Giovedi 8 Dicembre

Mentre il Palazzo attacca gli ultras, Pisa dà lezioni di sport: che brividi all’Arena Garibaldi [FOTO E VIDEO]

Tremila pisani in festa vengono applauditi dai giocatori del Pisa affacciati alla balaustra dello stadio: questo è lo sport che unisce

Una partita surreale. Ventidue uomini in campo e nessuno sulle tribune. Pisa-Ascoli si gioca nel deserto dell’Arena Garibaldi. Tutti fuori, nessuno dentro. Sì, per non si sa quali imprecisati motivi che al calcio non si avvicinano nemmeno lontanamente.

gattusoI pisani, però, non demordono, si danno appuntamento fuori dallo stadio e si piazzano in 3000 alle spalle della curva, per sostenere da lì i propri beniamini. Gattuso incita, Lores e Verna segnano, i neroazzurri si prendono i tre punti e volano al secondo posto. Chi lo avrebbe mai detto. Intanto da fuori il boato sale, a Mannini e compagni allora balena un’idea: ‘Perchè non ringraziarli?’ Detto, fatto! La squadra sale i gradoni dell’Arena Garibaldi e, dopo aver imboccato il tunnel d’accesso per i tifosi, si affacciano alla balaustra per prendersi l’ovazione di 300 pisani in festa. Questo è il calcio, questo è l’amore dei tifosi, un amore che Javier Iacobelli ha provato a sottolineare con forza ai microfoni di StrettoWeb, puntando l’attenzione sull’accanimento che il mondo ultras riceve ormai da anni. “Mi sono emozionato tanto – ha commentato in conferenza Gattuso – perché dopo tutto quello che ho fatto in carriera mai avrei pensato nel 2016 avrei visto una cosa di questo fascino. Ho seguito i miei ragazzi, ma non mi sono fatto vedere. Mi sono nascosto, perché avevo le lacrime ed ero quasi commosso. Ho lasciato che fossero loro a prendersi quegli applausi… È una scena di altri tempi, io sono un romantico e forse sono nato nel periodo sbagliato”. Questo è il calcio che vogliamo, Pisa ci ha dato una grande lezione di sport!

#pisaascoli#sostenitori#ultras# nacho#verna

Un video pubblicato da nicomarro_003 (@nicomarro_003) in data: