Mercoledi 7 Dicembre

Ilary shock: “Spalletti piccolo uomo, subisce Totti. Così hanno cacciato Francesco da casa sua”

ALFREDO FALCONE

Ilary, moglie di Totti, usa parole durissime contro l’allenatore della Roma Luciano Spalletti: “piccolo uomo, subisce Francesco”

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Ilary, Totti e Spalletti: “ecco il mio pensiero” – Intervista shock, Ilary Blasi alza un vero e proprio polverone intorno all’ambiente giallorosso. Alla Gazzetta dello Sport la moglie di Francesco Totti punta il dito contro Spalletti e usa parole durissime contro l’allenatore della Roma. Ecco alcuni stralci di un’intervista destinata a far discutere: “Francesco non deve dimostrare niente a nessuno. I tifosi volevano il suo ritiro, ha fatto cambiare idea a tutti. Quando è stato mandato via dall’allenamento? Surreale, fantascienza. E’ stato cacciato da casa sua, e non si fa. Non mi sarei mai permessa una cosa del genere. Quando tornò gli dissi: “andiamo allo stadio, dobbiamo esserci”. E i tifosi hanno dimostrato che non lo avevano abbandonato. Spalletti? Le scelte calcistiche sono opinabili ma non si discutono, ma avrei qualcosa da ridere a livello umano. Nell’intervista alla Rai Francesco chiedeva solo rispetto, ed era giusto. In quel momento non glielo stavano dando. Non è uno polemico, lui parla col pallone. Non si fa così, lui si è sempre messo seduto con umiltà ad aspettare”. 

ALFREDO FALCONE

ALFREDO FALCONE

Ilary, Totti e Spalletti: “ecco il mio pensiero” – Ma l’attacco a Spalletti è solo all’inizio, ecco altre parole rilasciate da Ilary Totti alla Gazzetta dello Sport: “non critico la scelta tecnica, critico il comportamento umano e Spalletti è stato un uomo piccolo. E’ la verità, lui a parole ha detto anche cose stupende, ma a parole. E invece lo subisce. In un momento così difficile nella vita di un ragazzo che sta attraversando un passaggio importante, c’è modo e modo per comportar­si. È giusto proiettarsi nel futuro e provare a far grandi cose anche senza di lui, ma mi sembra che alla Roma rimanga ancora difficile, ma io glielo auguro. Certo che si poteva essere più delicati e Spalletti sicuramente non lo è stato, non l’ha saputo guidare in un percorso umano. Io le perso­ne le giudico anche da questo. Quindi voto basso, molto basso. E Pallotta? “Fammi stare zitta, sennò succede un casino… Mi verrebbe da dir­gli: “Però anche la mente deve ragionare prima di parlare…”.