Venerdi 9 Dicembre

Il Milan lo accusa, Galliani si ‘autodifende’: “Suso e Niang quanto sono costati? E Su De Boer avevo ragione…”

Foto LaPresse - Mauro Locatelli

Galliani sotto accusa dai tifosi del Milan, lui si difende e ‘rivendica’ le operazioni Suso e Niang. Poi si toglie un sassolino su De Boer…

LaPresse/Jonathan Moscrop

LaPresse/Jonathan Moscrop

Milan, Galliani si ‘difende’ –Siamo stati contratti all’inizio, poi siamo cresciuti. Abbiamo avuto molte occasioni da gol quindi bene. Ora la classifica inizia a sorridere ma non esaltiamoci. Si è vista un’idea di calcio precisa, e questo ci fa piacere“. Così l’amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, ha commentato a Milan Tv la vittoria dei rossoneri sulla Lazio di ieri sera nell’anticipo di campionato. “Calabria? Ha fatto molto bene. Abbiamo molti giovani italiani, tutti molto validi – spiega il vice-presidente rossonero parlando dei singoli – Ci sono tante cose positive. Suso e Niang? Suso èarrivato a parametro zero, Niang è costato due milioni: lui ha molta forza fisica e grande qualità“.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Milan, Galliani si ‘difende’  Un elogio particolare va alla difesa di Montella: “non aver subito gol è una cosa fondamentale. Tutti gli anni da sempre vincono o arrivano ai primi posti le squadre che subiscono meno gol. Oltre a questo fa molto piacere il fatto di avere un attacco prolifico“. Una battuta sul momento non idilliaco tra Montolivo e parte della tifoseria milanista: “io e Montolivo ci prendiamo in giro su chi sia il più contestato (ride, ndr). Il capitano soffre le critiche che spesso sono ingenerose. Sa giocare sia da play basso che da interno di centrocampo“. Detto che “Bacca vale come Higuain e Icardi“, Galliani sottolinea che “abbiamo affrontato squadre valide però la strada è lunga. La sconfitta interna con l’Udinese certifica l’imprevedibilita’ del nostro calcio”. Mister Montella ha già convinto la piazza: “è un allenatore che cerca di dare un gioco alla propria squadra, e questa cosa piace al Presidente Berlusconi, al sottoscritto e ai tifosi. Bisogna continuare cosi’. Montella, de Boer, Giampaolo erano in lizza per la panchina del Milan. Alla fine – conclude Galliani – abbiamo optato per il primo con estrema fierezza. Però visto come ha giocato l’Inter con la Juventus, De Boer non mi sembra poi così male…”. (ITALPRESS).