Lunedi 5 Dicembre

F1, Vettel sicuro: “la nostra stagione non è terribile. Cosa vorrei in macchina? L’aria condizionata”

LaPresse/Photo4

Dopo la vittoria dello scorso anno, Sebastian Vettel vuole provare a dare una svolta alla sua stagione, svelando anche un particolare desiderio

La F1 torna protagonista. Dopo una settimana di stop i campioni delle quattro ruote tornano in pista, nello spettacolare scenario notturno di Singapore. Le Ferrari cercheranno di ripetersi dopo il bel successo dello scorso anno, ma dovranno vedersela con le Mercedes e le Red Bull.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

L’anno scorso qui abbiamo vinto – le parole di Vettel riportate da Motorsport.come mi aspetto che dovremmo andare bene anche questo weekend. Ma le Mercedes per me restano favorite, non credo che avranno gli stessi problemi che li hanno condizionati dodici mesi fa. Lo scorso anno non pensavo di certo che sarebbe stata la mia ultima vittoria in Ferrari per così lungo tempo – ha proseguito Vettel – dopo quel successo siamo sempre scesi in pista dando il massimo e puntando a fare il meglio. Ma ora siamo a Singapore, e io amo questo posto, e…  mi sono svegliato ottimista. Questa è una gara particolare, è sempre probabile che esca la safety car, possono essere determinanti tanti elementi. Puoi partire quinto, ma alla prima curva le quattro vetture davanti possono uscire.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Non è il modo più elegante di vincere, ma su questa tipologia di piste tutto può accadere. Sappiamo già che arriverà una nuova generazione di vetture – ha commentato Seb – che credo sarà più emozionante. Cosa chiederei ai nuovi proprietari? Io vorrei il doppio dei cilindri, meno elettronica e magari…l’aria condizionata in monoposto, visto il caldo che c’è qui!. Sul futuro della Ferrari, Vettel chiosa: “c’è chi è andato via, ma altri sono arrivati. La nostra non è stata una grande stagione, ma non possiamo neanche classificarla come terribile. Siamo critici verso noi stessi perché volevamo chiudere il gap, ed invece c’è ancora un divario. A volte ampio, a volte meno, ma c’è, e per questo non abbiamo ancora vinto. E non credo sia una questione di piste, bisogna lavorare per migliorare tutto il pacchetto tecnico”.