Sabato 10 Dicembre

F1, Kvyat il saggio: “ho trascorso molte notti a riflettere, adesso corro per me stesso”

LaPresse/Photo4

Daniil Kvyat tra delusioni e passioni: il russo sembra aver superato l’amarezza per la “retrocessione” in Toro Rosso

Manca ormai poco al Gran Premio di Singapore, a breve si disputeranno le terze libere, mentre nel pomeriggio i piloti della F1 scenderanno in pista per le qualifiche in vista della gara di domani. Una grande battaglia a sei, tra Red Bull, Ferrari e Mercedes.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Nell’ombra invece le Toro Rosso, con un Daniil Kvyat, retrocesso mesi fa dalla Red Bull, che ancora non riesce a capire i motivi di tale decisione: “ho trascorso molte notti a riflettere su quello che è accaduto, ma non ho trovato niente di sbagliato in ciò che ho fatto. No, tornare a quei fatti non mi piace. Un giorno lo farò. Ho però imparato una lezione: godermi ogni momento della vita, dare valore a ciò che fai. Pensate a Spa e Monza: anche se sapevamo di non aver possibilità di andare a punti, ho goduto di quelle due gare“, ha spiegato il russo in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ho scoperto che voler dimostrare qualcosa agli altri ad ogni costo non porta a nulla di buono. La strada giusta è lavorare per amore dello sport. Corro per me stesso, dando il meglio nel posto dove sto, la Toro Rosso. Stop”, ha aggiunto Kvyat che poi spiega: “io sono sempre stato leale con Red Bull e loro con me. Non dimentico che questa gente ha fatto tanto per me, avranno sempre uno spazio nel mio cuore. Poi quando sarà opportuno ci siederemo intorno a un tavolo e decideremo se continuare insieme oppure no“. Infine un commento sull’Italia, paese che ama molto e dove ha vissuto per molto tempo: “il vostro Paese ha un posto molto grande nel mio cuore. E domenica avete visto Totti? Un grande, a 40 anni dimostra che si possono fare ancora cose notevoli nello sport. Spero un giorno, quando la mia situazione sarà più tranquilla, di poter tornare sugli spalti dell’Olimpico“, ha concluso Kvyat,