Venerdi 9 Dicembre

Dybala: i sogni di un padre e quelli di un figlio

LaPresse/Daniele Badolato

Giovane, forte e talentuoso: questo è Paulo Dybala, cresciuto dal padre a pane, acqua e pallone

Il giovane Dybala ci piace proprio perché è giovane, e come tale, ogni tanto, nelle sue affermazioni, sovrappone la sua figura a quella del padre, facendo un po’ di quella confusione che tanto piace agli psicologi da bar.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Il giovane Dybala dice che è stato il suo babbo a mettergli fra i piedi un pallone, prima ancora di metterlo fra le braccia di mamma. E già questa è una dichiarazione forte: prima il pallone della mamma? Poi prosegue, il giovane Dybala, asserendo che avere un figlio calciatore era il sogno del padre. E qui occorre soffermarsi: quanti padri proiettano sui loro figli le proprie speranze infrante? Non bastasse, ecco ancora il giovane Dybala, che dice candidamente tutti i ragazzi devono poter inseguire il proprio sogno. Ecco, ma quale sarebbe stato il vero sogno di Dybala se il padre non lo avesse instradato da subito al gioco del calcio, obbligandolo a seguire una strada già tracciata? Diventare un calciatore famoso: sogno di Dybala padre o Dybala figlio?

Attenti, padri.

Un figlio calciatore non è sempre detto sia un figlio felice.