Domenica 11 Dicembre

Djokovic a caccia del tris, Wawrinka per capire di che pasta è fatto: ecco la finale US Open

LaPresse/Sydney Low

La Finale US Open mette di fronte Djokovic e Wawrinka: il primo per la storia, il secondo per confermarsi fra i big

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Finale US Open: Djokovic cerca il tris – È finalmente arrivato il momento più atteso: questa sera sul cemento americano, si giocherà la finale degli US Open fra Djokovic e Wawrinka. Spezzato il momento magico di Murray, sarà Stan Wawrinka a contendere il trofeo a stelle e strisce al tennista numero 1 al mondo. Il momento potrebbe anche essere quello giusto: Djokovic ha un talento straordinario ma non attraversa un gran periodo, particolarmente a livello fisico. A testimoniarlo la richiesta di training contro Monfils, per dei problemi alle spalle. Senza contare i recenti ko a Wimbledon e Rio che hanno leggermente ridimensionato alemno il ‘timore reverenziale’ che gli altri tennisti hanno verso di lui. Certo, resta pur sempre Novak Djokovic, colui che vincendo questo match firmerebbe il terzo successo agli US Open, stesso numero dei trofei di Wimbledon in bacheca, ironia della sorte l’unico trofeo non vinto quest’anno, che in caso di vittoria a Flushing Meadows darebbe il terzo Slam al serbo, ad un passo dal Career Grand Slam in stagione.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Finale US Open: Wawrinka vuole la svolta – Tre come il numerino di fianco a Stan Wawrinka nel ranking. Stan ha finalmente superato Federer diventando così il tennista svizzero con il ranking più alto al mondo, infortunio di Roger a parte, è qualcosa che fa pur sempre morale. Come a far morale è il dato di ben 10 finali vinte sulle ultime 10 giocate, 100% di vittorie per un Wawrinka che acquisice fiducia match dopo match. Adesso è arrivato il momento per “Stan the Animal”, di capire realmente chi è: se quel terzo posto del ranking è solo frutto dei momenti no di Federer e Nadal o è realmente meritato; se si può parlare di Fab 5 o se senza Federer si scende a Fab 3; se Wawrinka è realmente un top player o soltanto il primo dei ‘normali’. L’ago della bilancia è formato dalla finale di questa sera, quella che potrebbe reagalare il primo US Open a Wawrinka (terzo Slam su 4), o potrebbe confermare ancora una volta che la sua caratura è una spanna inferiore all’olimpo del tennis.