Venerdi 9 Dicembre

Crack Parma, Ghirardi e Leonardi colpevoli: ecco le pene per i due ex dirigenti

Massimo Morelli La Presse

L’ex Presidente Ghirardi e l’exe Amministratore Delegato del Parma Leonardi sono stati inibiti dal TFN per il fallimento del club gialloblù

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Parma, Ghirardi e Leonardi condannati – Una ferita che niente al mondo potrà mai risanare. Oggi il Parma sta lentamente rialzando la testa dopo il fallimento del club, un crack che quest’oggi il TFN ha punito con l’inibizione nei confronti dell’ex presidente Ghirardi e dell’amministratore delegato Leonardi (oggi Ds del Latina). Ecco il testo con le pene per i due dirigenti pubblicato poco fa sul sito della FIGC: “il Tribunale Federale Nazionale presieduto da Cesare Mastrocola, chiamato a pronunciarsi sui deferimenti relativi al dissesto economico-finanziario del Parma FC, ha disposto l’inibizione per 5 anni e un’ammenda di 150mila euro nei confronti di Tommaso Ghirardi, all’epoca dei fatti Presidente del Cda della società emiliana e l’inibizione per 4 mesi e 4000 euro di ammenda nei confronti di Silvia Serena, all’epoca dei fatti nel Consiglio di amministrazione della società, che ha patteggiato la sanzione”

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Parma, Ghirardi e Leonardi condannati – “Il TFN ha inoltre sanzionato con l’inibizione per 5 anni e un’ammenda di 150mila euro disponendo la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC Pietro Leonardi, all’epoca dei fatti Amministratore delegato della società. Sono stati prosciolti dalle violazioni ascritte i seguenti dirigenti: Susanna Ghirardi, Alberto Rossi, Giovanni Schinelli, Arturo Balestrieri. Roberto Bonzi, Giuseppe Scalia, Gabriella Pasotti, Enrico Ghirardi, Pasquale Giordano, Emir Kodra, Giampietro Manenti, Mario Bastianon, Francesco Sorlini, Maurizio Magri, Osvaldo Francesco Riccobene. Il TFN ha infine disposto la restituzione alla Procura Federale degli atti relativi ad Alberto Volpi e ha disposto la separazione degli atti relativi a Roberto Giuli con la formazione di un autonomo fascicolo”.