Giovedi 8 Dicembre

Caso Cassano, Ferrero offende: “non è intelligente. Ecco il motivo per cui ha preferito restare”

LaPresse- Valerio Andreani

Il Presidente della Sampdoria Ferrero attacca ancora Cassano e questa volta passa alle offese: “è poco intelligente”

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Ferrero, schiaffo a Cassano – Fuori rosa e con uno spogliatoio solo per lui. Diverso da quello della squadra, con nessuna prospettiva di scendere in campo. Separato in casa, sì. Ma per scelta. Tra Antonio Cassano e la Sampdoria l’amore si è ormai trasformato in odio ed il Presidente Ferrero rincara ancora una volta la dose nei confronti di Fant’Antonio. Passando alle accuse. “Non è una persona intelligente, evidentemente ha deciso di fare la vittima sacrificale. Avrà detto: ‘Io sono Cassano, un grande calciatore, ho dato tanto al calcio, se mi metto qui in campo e mi alleno da solo qualcuno parla di me. Se invece poi gioco non ne parlano più”.

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Ferrero, schiaffo a Cassano – Ai microfoni di Rete Sport, Ferrero rincara la dose: “si è comportato molto male, adesso è bene che stia lì e rifletta. Io ero disposto a pagargli tutto lo stipendio se fosse andato all’Entella. Poteva chiudere la carriera bene, magari portandoli in Serie A, ma niente. Ci ho parlato due volte, poi basta. Quando Antonio ha litigato con l’avvocato Romei sono stato io a dirgli: ‘Buttiamo la lettera di licenziamento’ e lui mi ha dato la sua parola d’onore che sarebbe andato via. E invece no. Peggio per lui, passerà un anno con il piumone e i calzettoni, si allenerà con quelli”.