Venerdi 9 Dicembre

Atletica: Ayomide Folorunso quinta al Weltklasse di Zurigo

LaPresse/Spada

Bene Ayomide Folorunso al Weltklasse di Zurigo: l’azzurra si piazza quinta al suo primo grande meeting internazionale

Ayomide Folorunso dopo l’esordio in IAAF Diamond League al Golden Gala di Roma, ieri sera al prestigioso Weltklasse di Zurigo ha affrontato il suo primo grande meeting internazionale all’estero sui 400hs. Come in batteria alle Olimpiadi di Rio, l’ancora 19enne delle Fiamme Oro corre in prima corsia, ma per l’azzurra questo non sembra essere un problema.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Semmai stavolta per la vulcanica ostacolista (componente anche della staffetta 4×400 azzurra che ha riscritto il record italiano a Rio) c’è una piccola complicazione in più come la prima barriera abbattuta, ma “Ayo” non demorde e continua imperterrita la sua gara. Reagisce con carattere, chiude forte e nel finale aggancia anche il quinto posto in 55.69 (a 19 centesimi dal PB) lasciandosi alle spalle la svizzera Lea Sprunger (55.71, sesta) e la polacca Joanna Linkiewicz (56.24, ottava) ovvero il bronzo e l’argento degli Europei di Amsterdam dove proprio la Folorunso era finita quarta. Vittoria in 53.97 alla 21enne statunitense Shamier Little sulla danese Sara Petersen (54.22), campionessa europea e argento a Rio.Nell’alto, il 2016 è davvero l’anno di Ruth Beitia. Argento ai Mondiali Indoor, oro agli Europei e alle Olimpiadi, la 37enne spagnola mette il sigillo alla stagione con la vittoria in Diamond League. A Zurigo è l’unica a superare 1,96 dopo una progressione netta, poi fa posizionare l’asticella a 2,02: saltarlo significherebbe eguagliare PB e primato nazionale. Tutto il pubblico fa il tifo, il record non c’è, ma per lei è comunque un bel finale. Alessia Trost è nona con 1,90 (quota superata all’ultima prova a disposizione) e tre errori a 1,93. La 23enne pordenonese delle Fiamme Gialle scende così al quinto posto finale nella classifica a punti del circuito. Tra gli acuti del meeting il 22,20 nel peso del neozelandese Tom Walsh (primato dell’Oceania) e il 17,80 (+0.1) nel triplo dell’olimpionico statunitense Christian Taylor. E se nei 100 metri Asafa Powellvince in 9.94 (+0.4) centrando il 98esimo sub-10 secondi della sua carriera, non delude l’attesa sfida sui 200 femminili dove la campionessa olimpica ElaineThompson rimonta e beffa di un centesimo, 21.85 a 21.86 (+0.2), l’iridata Dafne Schippers. Ultimo appuntamento della IAAF Diamond League 2016 sarà la seconda finale del circuito in programma il 9 settembre a Bruxelles dove si assegneranno tutti gli altri Diamond Trophy.