Giovedi 8 Dicembre

Tennis, Djokovic rassicura: “non ho paura di virus o terrorismo, a Rio2016 ci sarò!”

Sipa USA

In mezzo a tanti forfait importanti, Novak Djokovic assicura la sua presenza a Rio2016

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Dopo la vittoria della Rogers Cup, Novak Djokovic ha già la mente rivolta a Rio2016. Il campione serbo ha assicurato la sua presenza a Rio2016, a differenza di molti altri colleghi spaventati dalle possibilità di attentati, dal virus Zika, o limitati da infortuni e motivazioni legate al ranking. Djokovic ha spiegato: non penso a cose negative e a cose che possono causare paura o preoccupazione come virus o problemi di sicurezza. Sicuramente ci sono. Dovremo essere per certi versi cauti. Ma cerco di guardare le cose in maniera positiva. Sono parte delle Olimpiadi, in una città molto eccitante e in un Paese che ama lo sport. Milioni di persone saranno lì, e molti altri milioni le guarderanno in TV. È questo il tipo di sensazioni che voglio avere, e non vero l’ora di giocare le Olimpiadi perchè le affronto in questo modo. Dopo i Grand Slam, sono il torneo più grande che abbiamo nel tennis perchè la maggior parte dei Major sono nei libri di storia. Ma adoro anche giocare nei tornei 1000 dove ho avuto molto successo. Insomma, cerco di vivere ogni giorno con la giusta mentalità“.