Giovedi 19 Gennaio

Rio 2016, nuoto – Federica Pellegrini ha le spalle larghe: “il tricolore non mi carica di pressioni” [VIDEO]

LaPresse / Roberto Monaldo

Dopo la cerimonia dell’alzabandiera, Federica Pellegrini ha sottolineato di non avvertire pressioni particolari derivanti dal ruolo di portabandiera

I Giochi Olimpici stanno finalmente per iniziare, il conto alla rovescia sta per ormai per esaurirsi, le emozioni dell’evento più atteso del pianeta stanno per essere vissute.

LaPresse / Roberto Monaldo

LaPresse / Roberto Monaldo

Oggi, la delegazione italiana, ha vissuto il toccante momento dell’alzabandiera a cui ha partecipato anche il premier Renzi, accolto a Casa Italia da Federica Pellegrini. Per la nuotatrice azzurra sono giorni di attesa, prima la cerimonia d’apertura dei Giochi di Rio de Janeiro dove terrà fra le mani il tricolore italiano durante la sfilata nel giorno del suo 28° compleanno, poi le gare, dove darà sfogo alla sua voglia di rivincita dopo la delusione di 4 anni fa. “L’atmosfera nel villaggio non è così male – racconta la fuoriclasse veneta – ho incontrato la Ledecky e la Franklin, ci siamo salutate. Ho lavorato molto per essere qui e mi sento in forma, speriamo di fare il massimo, anche come squadra“. La scelta di nominare la nuotatrice veneta come portabandiera è stata battezzata anche dal premier Renzi: “una scelta doverosa, lei è la Divina, è bravissima e l’abbiamo vista in forma. E’ un giusto riconoscimento a una delle più grandi atlete nella storia dello sport italiano. Secondo me ha ancora qualcosa di interessante da dare e lo scoprirete in queste Olimpiadi“. Federica incassa e sorride: “sono serena e contenta, mi sento orgogliosa di essere di fare la portabandiera, è un onore. Spero di essere all’altezza ma non sento nessuna particolare pressione“.