Martedi 6 Dicembre

Rio 2016 – E’ corsa a tre per il ruolo di ultimo tedoforo: ecco chi potrebbe spuntarla

LaPresse/Xinhua

Pelè, Kuerten e Grael si giocano il ruolo di ultimo tedoforo, ma a spuntarla potrebbe essere un ‘quarto’ incomodo

Una corsa a tre fra Pelè, il tennista Gustavo Kuerten e il velista Torben Grael. Questi i favoriti dell’ultimora per accendere la fiamma Olimpica alla cerimonia d’apertura del Maracanà.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Il nome del Rei Pelè, molto quotato nelle ultime ore, sembra essere sceso anche se dalle sue ultime dichiarazioni traspare la sua grande voglia. Il tre volte campione del Mondo ha partecipato al tour della torcia a Santos, limitandosi però a un saluto dal balcone del Museo a lui intitolato. Pelè, inoltre, soffre di alcuni fastidi al bacino che potrebbero inibirlo al momento della cerimonia. Sono salite invece le probabilità per Torben Grael, coordinatore della Vela brasiliana con 5 medaglie olimpiche nel curriculum. Anche la stampa brasiliana, nelle ultime ore, verte sul tecnico di origine danese. Guga Kuerten, tre volte vincitore del Roland Garros e nome di spicco del movimento verde-oro, rimane fra i papabili ma non sembra il favorito.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

La sorpresa potrebbe invece arrivare da Aida dos Santos, quarto posto nel salto in alto a Tokyo 1964. Ha una storia di vita molto difficile e il Comitato potrebbe sceglierla per il suo spirito olimpico. La cerimonia in se’ si preannuncia molto “stereotipata”, secondo le informazioni filtrate dalle prove generali. Uno spettacolo “bonito”, che prevederebbe riferimenti agli storici ritmi della MPB, il funk e la samba. Ciò che non è piaciuto all’opinione pubblica sono stati i riferimenti alle foreste, gli schiavi e la colonizzazione portoghese. In alcuni punti ci sarebbe anche spazio per una critica all’urbanizzazione della società moderna con una canzone di Chico Buarque, cantautore carioca. La festa viene descritta come moderna, con proiezioni in 3D e un mix di cultura tradizionale e popolare.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

L’italiano Marco Balich, produttore esecutivo della cerimonia, ha confermato che “non sarà una cerimonia opulenta, considerata la situazione economica del Brasile“. La modella Gisele Bundchen sarà una delle star. Lea T, invece, sarà la prima transessuale ad avere una partecipazione attiva all’evento. Ovviamente non mancherà un’occhio di riguardo alla questione ambientale. Gli organizzatori, infine, hanno smentito la possibilità che Gisele Bundchen fosse rapinata in una scena della cerimonia. Fernando Meirelles ha ufficialmente negato l’indiscrezione con un tweet. (ITALPRESS).