Venerdi 9 Dicembre

Olimpiadi Rio 2016, Pres consiglio Toscana: “Campriani è un grande atleta”

LaPresse/Bianchi/Lo Debole

E’ stato consegnato oggi a Niccolò Campriani il Gonfalone d’argento dal Presidente del consiglio della Regione Toscana Eugenio Giani

Dopo la stupenda prestazione alle Olimpiadi di Rio 2016, per Niccolò Campriani, due volte oro nella carabina, è giunto il momento di un altro tributo. La Toscana renderà omaggio al fiorentino che è entrato nella storia grazie alla vittoria di 2 medaglie d’oro individuali vinte nelle stessa edizione delle Olimpiadi di Rio 2016. Il fiorentino ha ricevuto oggi il Gonfalone d’argento. “È un grande atleta. Lo conosco da quando ero assessore allo sport del Comune di Firenze: Niccolò è cresciuto alla società di tiro a segno delle Cascine, una delle società più prestigiose. Campriani ha continuato a studiare, è ingegnere, ed è anche un grande tifoso della Fiorentina“, le parole del presidente del Consiglio della Regione Toscana Eugenio Giani.

LaPresse/Bianchi/Lo Debole

LaPresse/Bianchi/Lo Debole

Cosa può fare il mondo dello sport per aiutare le popolazioni colpite nelle scorse ore dal terremoto? Di concreto ho visto, a esempio, quello che pensa di fare la Fiorentina, così come tante altre società di calcio, ovvero devolvere tutti i fondi relativi agli incassi di questa domenica al centro Italia“. Lo ha detto il campione olimpico di Rio2016, Niccolò Campriani.Dobbiamo stare uniti. Sono stato raggiunto immediatamente da tutti i miei amici giapponesi e americani, mi hanno chiesto se il terremoto avesse coinvolto me e i miei familiari. Ci stringiamo tutti gli sportivi, da più parti del mondo, con un abbraccio forte, al centro Italia“, ha aggiunto Campriani. “Lì per lì, quando è successo, si doveva ancora capire quella che era la magnitudo e si parlava prima di dieci vittime, poi di venti vittime. Oggi stavo scendendo dalla macchina e la radio rimandava le telefonate del 118 di quella mattina: il dolore e la paura che hanno vissuto in quei momenti lì sono entrati nelle case di tutti e tutti riusciamo, credo, a metterci nei loro panni. Tutto questo fa paura, per come sono fatto io: dopo il dolore, dopo il lutto, adesso ricostruiremo, pero’ tutto quello che può essere la prevenzione di questi eventi va fatta“, ha concluso l’azzurro. (ITALPRESS)