Giovedi 8 Dicembre

Olimpiadi Rio 2016, le sensazioni di Juantorena e Zaytsev: “se vinciamo l’oro…”

Le emozioni e sensazioni di Zaytsev e Juantorena dopo la vittoria di ieri sera contro l’Iran e l’accesso in semifinale

E’ andata in scena ieri sera la sfida tra Italia e Iran valida per i quarti di finale del torneo di pallavolo maschile delle Olimpiadi di Rio 2016. Gli azzurri hanno battuto i loro tosti rivali col punteggio di 3-0 staccando così il pass per la semifinale contro gli USA.

Rio, l'Italvolley annienta l'Iran e accede alle semifinaliAvevamo i fantasmi nella testa, siamo entrati in campo contratti perchè partire favoriti non è facile. Ci abbiamo messo un set e mezzo ma alla fine ci siamo sbloccati e ci siamo tolti un bel peso dal groppone“, ha commentato Ivan Zaytsev al termine della partita.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

E’ stata una partita difficile, eravamo nervosi. Sono stati bravi anche loro, hanno giocato una pallavolo lucida e buona, ma la pressione era tutta su di noi. Abbiamo fatto qualche errore di troppo, poi per fortuna abbiamo chiuso quel primo set che ha cambiato la partita“, ha aggiunto Juantorena che sulla semifinale contro gli Stati Uniti aggiunge: “non pensiamo a quanto fatto in passato e non lo faranno neppure loro. Sarò la nostra finale, la partita che ti da’ diritto a lottare per il sogno olimpico. Dobbiamo pensare solo a questo, sarà molto difficile, una sfida molto bella e nervosa. Noi rischieremo con la battuta, loro faranno lo stesso, è un fondamentale che farà la differenza. Ma attenzione: gli Usa sembravano morti, in realtà sono in semifinale. La pallavolo è così, questo è il bello ma noi ci siamo e ci saremo fino alla fine“.

Rio, l'Italvolley annienta l'Iran e accede alle semifinaliD’accordo anche Zaytsev: “E’ una semifinale olimpica, vale tutto. Gli Stati Uniti hanno una mentalita’ vincente, sempre pronti a combattere contro chiunque, non gliene frega niente se hanno perso con noi nel girone. I risultati degli ultimi mesi parlano a nostro favore ma qui si azzera tutto. Ora stacchiamo un po’ la testa, perche’ io veramente questa partita con l’Iran l’ho vissuta in apnea, non mi ricordo nulla“. “E’ ora che appenda le scarpe al chiodo. Se vinciamo l’oro smetto. Ve lo dico, smetto“, ha concluso lo Zar.