Sabato 3 Dicembre

Olimpiadi Rio 2016, delusione Cicognini nel Badminton: “sono molto dispiaciuta perché potevo fare meglio”

Ferdinando Mezzelani

Le Olimpiadi di Rio 2016 ha visto la delusione della nostra azzurra Jeanine Cicognini nel Badminton. L’azzurra è stata eliminata dalla turca Bayrak in due set: 21-14 e 21-9

Jeanine CicogniniSi è conclusa in Brasile l’esperienza a cinque cerchi di Jeanine Cicognini. L’Azzurra inserita nel gruppo I nel singolare femminile insieme alla Coreana Yeon Ju Bae e alla Turca Ozge Bayrak non è riuscita a conquistare la prima vittoria del Badminton Azzurro alle Olimpiadi. Nel match di debutto contro la Coreana Bae, Bronzo ai Mondiali Cinesi del 2013, la portacolori delle Fiamme Oro, ha ceduto in due set (21-11; 21-8).  Non è andata meglio neanche contro la Turca Bayrak: sconfitta in due set (21-14; 21-9). L’Italia del Badminton, che era alla terza partecipazione consecutiva dopo Pechino 2008 e Londra 2012, non ha ancora centrato la prima vittoria Olimpica, si continuerà quindi la ricarica nella prossima edizione dei Giochi Olimpici a Tokyo nel 2020.

Sono molto dispiaciuta perché potevo fare meglio – ha affermato la Cicognini al termine dell’esperienza a Rio de Janeiro -. Ho lavorato tanto per quest’appuntamento ma poi quando arrivi ai Giochi Olimpici cambiano tante cose e si rompono diversi equilibri nella propria persona. Voglio comunque ringraziare il Presidente Alberto Miglietta e tutto lo Staff federale che mi ha sempre sostenuto nel migliore dei modi assieme ai tantissimi tifosi del Badminton azzurro”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Direttore Tecnico Arturo RuizJeanine non è riuscita a esprimere il suo reale valorele sue parole -. A questo livello ogni calo di tensione si paga e quindi è importante rimanere concentrati anche quando le cose non vanno bene. Purtroppo lei si è innervosita e tutto è diventato ancora più difficile”.

Ferdinando Mezzelani

Ferdinando Mezzelani

È stata un’altra esperienza molto importante per il nostro movimento – ha detto il Presidente Federale Alberto Miglietta -. Tutto lo staff ha colto questa opportunità unica che consente di vivere un evento di altissimo livello in condizioni di alta pressione psicologica. Ai Giochi Olimpici succede di tutto e lo stiamo vedendo in tantissime occasioni. Per la terza volta consecutiva il Badminton c’era e ha potuto confrontarsi con il gotha mondiale. Sono sicuro che questa ulteriore presenza olimpica indichi definitivamente la strada ai nostri giovani, i quali inseriti nei programmi tecnici del nostro Team Italia, saranno in grado di regalarci in futuro soddisfazioni ancora più grandi. Dobbiamo essere tutti orgogliosi del Badminton italiano”.