Sabato 3 Dicembre

Olimpiadi Rio 2016, che favola quella di Santiago Lange: dopo il cancro vince l’oro nella vela

LaPresse/XinHua

Santiago Lange, dopo aver sconfitto il cancro ai polmoni, vince la medaglia d’oro nella categoria Nacra 17 alle Olimpiadi di Rio 2016 a quasi 55 anni

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Santiago Lange è uno degli eroi delle Olimpiadi di Rio 2016. Il Motivo? L’argentino ha vinto la medaglia d’oro nella categoria Nacra 17 con Cecilia Carranza Saroli all’età di 54 anni ma soprattutto dopo aver sconfitto un cancro ai polmoni. Si potrebbe chiamare miracolo questa vittoria, ma ai miracoli Lange è abituato. Il suo palmares parla chiaro: bronzo alle Olimpiadi di Atene e di Pechino con Carlos Espinola nella classe Tornado; 4 campionati del mondo (3 nello Snipe e 1 Tornado); 2 medaglie d’argento ai Giochi Panamericani, 2 due Campionati Europei Europa Gold Cup; il Trofeo Sua Altezza Reale la Principessa Sofia; sei campionati sudamericani. Una vita passata e dedicata alla vela. La categoria Nacra 17 era piena di ragazzini pronti a dare tutto per vincere la gara, ma Lange dall’alto della sua esperienza olimpica ha tenuto testa riuscendo a batterli, seppur con molta difficoltà.

La medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio 2016 ha un significato importante per l’argentino dopo l’operazione ai polmoni di qualche anno fa: una ripresa rapida legata alla voglia di gareggiare e di competere. In molti non credevano in lui, ma adesso tutti stanno cominciando a capire la tenacia dell’atleta argentino. Santiago Lange, dopo il trionfo, è stato raggiunto dai suoi figli, velisti anche loro che gareggiano ai giochi di Rio. “Sto male è stato doloroso persino tirare la barca fuori dall’acqua. Siamo a un’Olimpiade e si deve parlare di sport. Ma siccome me lo richiedete. Quando l’anno scorso un giornale in Argentina scrisse che avevo il cancro ero molto dispiaciuto. Poi mi hanno fatto pensare: tu puoi essere la speranza di tante persone ammalate. Per cui se il mio esempio può servire sono a disposizione“, le parole dell’argentino a La Gazzetta dello Sport.