Mercoledi 7 Dicembre

Olimpiadi Rio 2016, Arianna Errigo pronta a ripartire: “mi prendo tutte le responsabilità”

Arianna Errigo inizia a smaltire la delusione dell’eliminazione al primo turno delle Olimpiadi di Rio 2016

Dieci giorni passati in silenzio, a riflettere e meditare su quello che le è successo, a rispondere alle centinaia di messaggi di incoraggiamento ricevuti da tifosi, amici e affetti più cari. Dieci giorni in cui la comparsa alle Olimpiadi, da favorita, le è passata davanti come un flash quasi a toglierle il fiato, oltre che il sonno. Dieci giorni dopo, Arianna Errigo è di nuovo pronta a salire in pedana, a percorrere questo lungo viaggio che dura quattro anni e che la porterà a Tokyo dove vorrà rifarsi dopo questa delusione brasiliana.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Sono passati dieci giorni ma in realtà sembra come fosse ieri. Ho completamente sbagliato la gara e mi dispiace perchè era l’appuntamento a cui tenevo davvero tanto, forse troppo. Ma questo è lo sport, adesso si riparte” dice l’azzurra in un’intervista esclusiva all’Italpress. “Subito dopo l’assalto, alla domanda se arrivavo a Tokyo era indubbio che volessi arrivarci, ma avevo appena perso e l’unica cosa che pensavo era di piangere e sfogarmi, in quel momento non riuscivo a pensare ad altro“. La delusione era evidente nel suo andare lento verso gli spogliatoi dopo la sconfitta, picchettando il fioretto ad ogni passo e non riuscendo quasi a percepire il mondo circostante. Una trance post agonistica, con annesse lacrime, che l’ha segnata profondamente, così come tutto il polverone sul suo rapporto con il suo ex maestro Giulio Tomassini.

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Mi dispiace perchè quello che è uscito non è quello che penso. Non ho mai additato nessuno per quello che è stato il risultato della pedana, penso di aver perso per colpa mia. Ho sbagliato la gara, penso a causa di una preparazione che forse non sono riuscita a gestire nel migliore dei modi. Non è colpa nè del preparatore, nè dello psicologo come molti hanno detto, nè di una scelta che ho fatto che è quella di gennaio quando ho deciso non lavorare più con Giulio (Tomassini, ndr), per quanto sia il maestro più bravo al mondo. Ma non c’era più feeling e inevitabilmente a sei mesi dalle Olimpiadi ho preferito lavorare da sola“, ha spiegato a Rio, dove è rimasta in vacanza.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Mi era sembrata la scelta più logica e d’altra parte era già capitato e non era andata male (vittoria in Coppa del mondo ed all’Europeo, ndr). Ho solo sbagliato una gara, sicuramente la più importante, che non avrei voluto sbagliare, ma non per questo ho cercato di distribuire colpe o cercare alibi. Mi prendo tutta la responsabilità di quello che è accaduto”, ribadisce la schermidrice, ricordando come qualcosa di simile le fosse già accaduto in occasione dei Mondiali di Catania del 2011. “Per me era un Mondiale decisivo, l’ho voluto preparare alla perfezione e sono arrivata scoppiata di testa. Qui pensavo fosse diverso e invece non è stato così, mi sono allenata troppo evidentemente. Ma io non sono una macchina. Allo stesso tempo, non ho rimpianti perchè ero consapevole di quello che stavo facendo“.

arianna errigoEd al maestro Tomassini manda un messaggio chiaro: “ho profonda stima per lui, lo considero il migliore al mondo, ribadisco che non è colpa sua se ho perso e troverò l’occasione per chiarire con lui perchè alcune cose che sono state scritte non rappresentano il mio pensiero reale“. Adesso, però, è il momento di voltare pagina e per questo da settembre si riparte con nuova lena e con un nuovo maestro. “Andranno affrontate tante cose, certamente psicologa e preparatore atletico rimangono, ma sono a caccia di un maestro, ho due-tre idee e valuteremo. La mia priorità in questo quadriennio è lavorare più serenamente possibile“. L’obiettivo Tokyo 2020 è sempre più incalzante nella sua testa, anche l’età aiuta l’atleta dei Carabinieri. “questa di adesso (28 anni, ndr) mi sembrava l’età perfetta da tutti i punti di vista, anche se Valentina (Vezzali, ndr) è arrivata a 42 anni, Elisa (Di Francisca, ndr) ha cominciato a vincere a 28, idem Granbassi. Magari tra quattro anni starò ancora meglio di adesso. Tokyo è un obiettivo grande, ci vorrò arrivare e non vedo l’ora. Se avessi fatto bene qui a Rio, mi sarei presa un po’ più di tempo per me, invece adesso già penso che ad ottobre ricomincia la stagione e voglio esserci“. Attivissima sui social, la Errigo manda infine un chiaro messaggio ai suoi tifosi, invitandoli a credere in lei adesso più che mai:”mi dispiace perchè lo stesso dispiacere mio e’ stato delle persone che mi seguono con passione. Ci rifaremo“. (ITALPRESS).