Sabato 10 Dicembre

MotoGp, Lorenzo spiega: “ecco cosa rende me e Rossi incostanti”

LaPresse/EFE

Jorge Lorenzo tra difficoltà e ottimismo: il campione del mondo in carica di MotoGp spiega come stanno le cose in questo periodo della stagione

Dopo una settimana di pausa i campioni della MotoGp tornano a regalare grande spettacolo. Il fine settimana che sta arrivando sarà ricco di appuntamenti per gli appassionati di motori. Alle 14.00 di domenica infatti ci sarà il Gran Premio d’Italia di F1, mentre alle 16.30 quello di Silverstone di MotoGp, che partiranno entrambi domani con le tradizionali conferenze stampa e venerdì vedranno accendersi i motori con le prove libere.

A Silverstone Marquez cercherà di tenere saldo il suo vantaggio sui diretti rivali Rossi e Lorenzo che a loro volta invece proveranno ad accorciare le distanze e avvicinarsi sempre più al campione di Cervera.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Momento difficile quello di Jorge Lorenzo che nell’ultima gara, quella di Brno, è passato da un sabato eccellente ad una domenica veramente disastrosa: “le gare sono così, passi da avere tutte le chance per vincere a fallire, vuoi per le condizioni meteo o un guaio tecnico, come è stato per le gomme. Al contrario di Bridgestone, con le Michelin da bagnato non ho ancora la fiducia per andare forte“, ha dichiarato il maiorchino in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Se le regole non fossero cambiate avrei fatto un campionato come gli ultimi anni. È cambiata l’elettronica ma soprattutto le gomme: in Argentina mi hanno sorpreso, con le Bridgestone in quella curva non sarei caduto e con la pioggia non avrei avuto tanti problemi. L’anteriore Michelin da bagnato è molto molto morbida, ma sembra durissima e non ti dà la confidenza di frenare forte. Perdo tantissimo in staccata e continuo a frenare in mezzo alla curva perché non fermo la moto. A fine giro sono decimi“, ha aggiunto il campione del mondo in carica che poi spiega cos’è che rende incostanti i piloti: “a rendere tanto incostanti i due piloti più costanti, ovvero Valentino e io, sono elettronica e gomme“.