Domenica 4 Dicembre

MotoGp, Lorenzo lancia la sfida: “posso battere Marquez, le Ducati non sono lontane”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Jorge Lorenzo positivo e ottimista in vista della gara di domani dopo le qualifiche del Gran Premio d’Austria

Sono appena terminate le qualifiche del Gran Premio d’Austria. Una sfida veramente appassionante tra i piloti a caccia della pole position, conquistata da Andrea Iannone, seguito da Valentino Rossi e Andrea Dovizioso. Una prima fila tutta italiana, seguita da una seconda fila invece tutta spagnola (Lorenzo, Marquez, Vinales).

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

E’ incredibile come le cose possono cambiare in MotoGP, in un solo giorno! Tutto può influenzare i risultati e oggi le condizioni ci hanno aiutato molto. I nostri principali rivali non hanno migliorato di molto i loro tempi sul giro e abbiamo migliorato di molto, più di un secondo, e questo è il motivo per cui siamo stati più vicini e in grado di lottare per la pole position“, ha spiegato Jorge Lorenzo al termine delle qualifiche. “Sono stato molto felice per la progressione e il tempo sul giro. Ho pensato che avrei potuto essere in prima fila o addirittura in prima posizione, ma alla fine all’ultimo momento mi hanno superato. Eppure la seconda fila è un buon posto, meglio di quanto ci aspettavamo prima di cominciare il Gran Premio”, ha aggiunto il maiorchino.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Domani sarà una gara lunga e la chiave saranno gli pneumatici, perchè si prospetta una giornata calda. Penso che la gomma morbida dietro non è un’opzione dietro per la gara ma anche con la dura possiamo avere problemi nel lato destro, per me la dura è la scelta giusta. Dobbiamo analizzare se sarà possibile utilizzare la gomma morbida. Nessuno sa come questo pneumatico si comporta fino al termine della gara, nessuno ha fatto così tanti giri. La stessa questione si pone per il pneumatico anteriore”, ha spiegato ancora il campione del mondo in carica.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Contro Marc non è mai facile. Se riesco a fare una buona gara posso batterlo. Credo che Rossi, Marquez ed io abbiamo un ritmo simile. La Ducati è molto veloce, ma non è molto lontana”, ha concluso Lorenzo.