Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp, Dall’Igna torna sui suoi passi? “Spiace che Iannone vada via”

LaPresse/EXPA

La gioia di Luigi Dall’Igna dopo la doppietta Ducati al Gran Premio d’Austria

E’ andato in scena domenica scorsa il Gran Premio d’Austria. Un dominio “rosso” con le Ducati ad occupare i primi gradini del podio. Grande festa quindi all’interno del team di Borgo Panigale, che ancora sorride e trova occasione di festeggiare per questa fantastica doppietta.

dall'ignaFelicissimo il direttore generale Gigi Dall’Igna: “c’erano state occasioni che, se sfruttate, ci avrebbero potuto dare la vittoria, ma non si è mai verificata una situazione come domenica a Zeltweg, dove la Ducati ha gestito, ha fatto la gara e gli altri hanno subìto“, ha raccontato in un’intervista a La Gazzetta dello Sport. “La scelta di gomme diverse tra Iannone e Dovizioso mi rendeva sereno, sarebbe stato difficile arrivare assieme all’ultima parte di gara. Abbiamo gestito benissimo, i piloti sono stati molto bravi. Anche Dovi, che pure ha perso, ha fatto una gara fantastica. Di testa ha fatto tutto quel che doveva“, ha aggiunto di d.g. della Ducati Corse.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

L’obiettivo era essere competitivi in tutte le gare. E tranne Jerez e Barcellona, dove tutti hanno avuto problemi di gomme, abbiamo dimostrato di esserlo e di essere vicini ai rivali principali. Sono contento, al di là dei pochi punti in classifica“, ha continuato.

È evidente che mi sarebbe piaciuto, anzi mi piacerebbe, come al 99% dei tifosi, rivedere Casey in gara. Però lui ha fatto una scelta difficile e va rispettata. Non si può provare a spingerlo per convincerlo, deve sentirselo e solo lui lo può fare“, ha aggiunto Dall’Igna.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Lo hanno criticato, ma Andrea quando sa di aver sbagliato reagisce sempre, ha il carattere giusto. A me spiace che vada via, come si sarebbe spiaciuto fosse stato Dovi. È stata una delle decisioni più difficili mai prese, Ognuno ha aspetti positivi e qualche criticità da gestire, ma sono entrambi persone splendide che hanno contribuito tanto a rendere il progetto vincente“, ha continuato il direttore generale della Ducati