Sabato 3 Dicembre

Moto Campionato Europeo di Trial, il Ct Andrea Buschi è soddisfatto della stagione del team Trial Junior

Il Ct FMI del team Trial Junior è soddisfatto della stagione appena conclusa, anche se Corvi ha avuto sfortuna nel trovare Peace davvero in forma

È terminato questo fine settimana a Großheubach, in Germania, il Campionato Europeo di Trial. Nella gara di quest’ultima categoria, la maggiore, Marco Fioletti si è piazzato 14° con 99 penalità e ha terminato la stagione, condizionata dall’infortunio al polso, nella top 20.

Il Team Trial Junior  è stato grande protagonista nella Junior, dove in Germania ha piazzato tre piloti nei primi sette classificati: Luca Corvi secondo (35 penalità), Manuel Copetti quarto (39) e Michele Andreoli settimo (44). L’altro italiano, Stefano Bertolotti, ha ottenuto il sesto posto con 43 lunghezze. La gara e il campionato sono stati vinti dal britannico Jack Peace con 600 punti. Secondo, Luca Corvi a quota 470. Il podio stagionale è stato completato da Sergio Piardi mentre Copetti ha completato la top 5 davanti ad Andreoli e Bertolotti.

gandolaOttima stagione per Lorenzo Gandola nella Youth, peccato che il titolo gli sia sfuggito di un soffio. Il pilota italiano ha concluso il campionato a pari punti con il nuovo campione, il britannico Jack Peace, dopo aver ottenuto il secondo posto in Germania dietro al francese e outsider, Kieran Touly, e davanti a Peace. Dopo il primo giro di gara Lorenzo sarebbe stato virtualmente campione in quanto era primo con Peace quarto. Ma una grande prestazione di Touly e la rimonta dello stesso Peace fino al terzo posto, lo hanno relegato in seconda posizione con 15 punti; un bel piazzamento, ma non sufficiente per conquistare l’alloro. L’italiano e il suo avversario infatti hanno totalizzato 355 punti stagionali, ma la soddisfazione più grande è andata a Peace in quanto nel 2016 ha ottenuto due vittorie, mentre Gandola una.

Andrea Buschi, Commissario Tecnico FMI:sono soddisfatto di come è andata la stagione, questo 2016 è stato positivo. Siamo saliti sul podio in due delle tre classi in cui siamo impegnati e il Team Trial Junior FMI si è spesso messo in mostra a livello continentale. Discorso valido anche per gli altri italiani e per Sara Trentini nel Femminile. Con Corvi pensavamo di poter vincere, ma da una parte è spuntato un pilota molto forte come Peace, dall’altra Luca è stato davvero sfortunato. Bravo anche Gandola e tutti gli altri ragazzi, molti dei quali l’anno prossimo saliranno nella Europe. Questi risultati positivi sono il frutto di un duro lavoro svolto da parte di tutti negli anni passati, con metodologia e programmazione”.