Sabato 10 Dicembre

Kovacic alla Morata? Galliani, che confusione: questo Milan non è la Juventus!

Foto LaPresse - Mauro Locatelli

Galliani prova a portare al Milan Kovacic con la stessa formula con cui Morata arrivò alla Juventus: ma in casa rossonera regna la confusione

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Milan, Kovacic come Morata? – Un’idea dettata dalla necessità di dare nuovo lustro ad una formazione che avrebbe avuto bisogno di una ristrutturazione totale, processo che nelle idee dei nuovi proprietari cinesi dovrebbe prendere il via solo da gennaio. Quando al Milan ci saranno nuovi capitali, nuovi dirigenti, nuovi stimoli. O almeno questo si augurano i tifosi rossoneri, stanchi di vivere l’ennesima estate senza sogni sul mercato. Dopo l’acquisto contestatissimo di Sosa, in casa Milan si lavora per un nuovo centrocampista da regalare a Montella.

Rot-Weiss Oberhausen

Rot-Weiss Oberhausen

Milan, Kovacic come Morata? – Il nome in cime alla lista? Diawara del Bologna. Ma come troppo spesso accaduto ultimamente, Adriano Galliani (per responsabilità sue, ma non solo) non riesce a chiudere la trattativa. Ed ecco allora l’ultima idea, quella di chiedere  aiuto all’amico Florentino Perez: far arrivare Mateo Kovacic in rossonera con la formula del prestito biennale con il Real Madrid che manterrebbe la recompra sul giocatore, questa l’idea in stile Morata dell’ad rossonero.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Milan, Kovacic come Morata? – Ma questo Milan non è la Juventus. Questa squadra ad oggi rinforzata zero o quasi sul mercato, avrebbe solo avuto bisogno di certezze: a Milanello lo sanno bene, ma incassano in silenzio sperando nella svolta di gennaio. Ma la confusione è totale. Tattica in primis. Diawara è un centrocampista centrale con caratteristiche prettamente difensive, Kovacic una mezz’ala di qualità, così come lo era Bentancur, Paredes (altro nome per il quale il Milan farà un tentativo) è un regista classico. Cosa cerca il Milan? Caos totale, appunto. Per idee chiare e programmazione ripassare a gennaio. Forse.