Lunedi 5 Dicembre

F1, accordo raggiunto tra Fom e Aci: Maroni e Rossi felici per il Gp di Monza

Roberto Maroni e Antonio Rossi, presidente e assessore allo sport della Regione Lombardia, hanno espresso la propria soddisfazione per il rinnovo del circuito di Monza con la F1

Ormai imminente la firma tra la Fom di Bernie Ecclestone e l’Aci per il rinnovo del contratto triennale del circuito di Monza con la Formula 1, il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, oggi, nel corso della conferenza stampa di presentazione della tappa del GP che si terrà domenica sul circuito brianzolo, ha espresso la sua “grande soddisfazione”, per un risultato che non ha esitato a definire “storico”, auspicando che si arrivi alla formalizzazione ufficiale a stretto giro di posta, magari già prima del fine settimana.

roberto maroniDopo aver ringraziato il presidente Aci, Angelo Sticchi Damiani, per l’impegno e la passione profusa e per “l’intelligenza con la quale è riuscito a far dialogare al meglio con personaggi con cui era difficile da trattare“, il Governatore ha ricordato l’importante ruolo giocato dalla Regione Lombardia. “Abbiamo voluto investire molto sul parco di Monza, che pensiamo sia davvero un ‘patrimonio dell’umanità’ che vogliamo proporre all’Unesco“, ha osservato citando i 70 milioni di euro di investimenti sul parco e quindi anche sull’autodromo. Oltre a questi fondi, ha proseguito Maroni, “per aiutare Aci a raggiungere l’accordo con Ecclestone, in sede di assestamento di Bilancio, abbiamo approvato uno stanziamento di 20 milioni di euro per i prossimi due anni per le spese d’esercizio. Risorse che sono servite e serviranno non solo per il rinnovo dell’accordo, ma per fare del parco di Monza un’attrazione internazionale”.  Molto soddisfatto dell’accordo raggiunto risulta essere anche l’assessore allo Sport e alle Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi: “definito il rinnovo del contratto per il Gran Premio, di cui manca ormai solo la firma, ora mi aspetto di vedere tornare a correre su questa pista, che e’ la storia della Formula 1, un pilota italiano, magari anche giovane e vincente“. (ITALPRESS)