Mercoledi 7 Dicembre

Bacca, che bordata a Mihajlovic! “Ecco cosa succedeva lo scorso anno al Milan”

LaPresse/Spada

Carlos Bacca chiude al mercato e si riprende il Milan: il colombiano esalta Montella e punta il dito contro la gestione Mihajlovic

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Bacca si riprende il Milan – Una tripletta come segno di rinascita, tre gol per chiudere definitivamente le porte al mercato e tornare a guardare il futuro da una prospettiva rossonera. “West Ham? Prima ero sul mercato, so che il club aveva dei problemi e so che ero uno dei pochi che avrebbe garantito di fare cassa. Con i soldi della mia cessione il Milan avrebbe risolto diverse situazioni, quindi se fosse finita così lo avrei capito. Ora invece la sensazione di essere un incedibile è molto bella. Vuol dire che c’è fiducia in me, che sono andato bene”. Il ‘nuovo’ Milan riparte da Carlos Bacca.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Bacca si riprende il Milan –Classifica cannonieri? Certo che mi interessa, come minimo voglio superare i gol dello scorso anno. Voglio l’Europa con questa maglia, sto lavorando per questo. La mentalità mia e del club è europea, per il Milan l’Europa è un obbligo. Sono orgoglioso di essere in questo club e di esserci adesso: cinque anni fa sarebbe stato facile e comodo per chiunque scegliere il Milan, io l’ho fatto quando tutto era più difficile. Ora è arrivato il momento di cambiare la situazione e riportarla com’era”, spiega Bacca nel corso di una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Bacca si riprende il Milan – Nella quale, l’attaccante colombiano, punta il dito contro la precedente gestione Mihajlovic: “con Montella mi diverto molto di più, perché è con la palla che si gioca a calcio, non con la corsa. Se corri e basta allora tanto vale allenarsi con Bolt… Mi piace il suo gioco perché la squadra è costruita per attaccare e mi arrivano più palle gol. Col Torino sono state 5 o 6 e allora sì che la butto dentro tre volte. Se invece te ne arriva una è molto più complicato. L’anno scorso era così e dovevo restare concentratissimo. Posso dirlo? Ora è diverso, c’è allegria in spogliatoio, in pullman, in hotel. La scorsa stagione mancava”.