Giovedi 8 Dicembre

Auto italiane con targa bulgara: fenomeno in vertiginoso aumento [VIDEO]

Aumenta il fenomeno della auto circolanti in Italia dotate di targa bulgara o rumena per pagare meno tasse ed eludere le multe

Il fenomeno della auto circolanti in Italia dotate di targhe straniere – soprattutto bulgare o romene – risulta in pericoloso aumento. Secondo una recente inchiesta del Corriere della Sera, questo fenomeno risulta in forte ascesa per risparmiare sulla tassa di possesso, sull’assicurazione e per evitare spiacevoli multe effettuate magari da un autovelox, Tutor o dalle telecamere delle Zone a Traffico Limitato.targhe  calcio web

Per fare un esempio, una vettura immatricolata con targa bulgara rispetto ad una con targa italiana paga circa l’85% in meno sulla polizza RCA e sul bollo. Nel solo 2015, su 740mila verbali non pagati, addirittura 21.994 erano per vetture con targa Bulgara.

Di queste un numero bassissimo provengono realmente dalla Bulgaria, il resto sono invece di “furbetti” residenti in Italia che posseggono direttamente questo tipo di auto, oppure la utilizzano sfruttando un prestanome. La legge italiana prevede un anno di tempo per reimmatricolare un’auto con targa straniera, inoltre con una somma di circa 1.500 euro , l’automobilista può esportare la propria vettura in Bulgaria, reimmatricolarla nel paese dell’Est e riportarla in Italia.