Sabato 3 Dicembre

Prandelli, stoccata a Balotelli: “grande qualità ma il motore è la testa. Juventus? Campionato avvincente”

LaPresse/Fabio Ferrari

Cesare Prandelli ha parlato così della nuova stagione ormai alle porte, con un pensiero particolare a Cassano e Balotelli

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Ha guidato la Nazionale azzurra per quattro anni, ha costruito una squadra che ha sempre proposto un calcio offensivo e in attesa che arrivi la chiamata giusta per tornare in pista, Cesare Prandelli si gode la realtà Sassuolo da osservatore. Il tecnico di Orzinuovi, in un’intervista rilasciata a Sky Sport nel giorno del suo 59esimo compleanno, parla della realtà emiliana.

prandelliIl Sassuolo dimostra che in Italia si può fare ancora bel calcio, lo fa con il lavoro e le idee, con la voglia di stare dentro un progetto tecnico, una realtà che è un grande successo per l’Italia che ha voglia di programmare e seguire una strada tecnica ben precisa“, spiega Prandelli che si augura anche che in Serie A un giorno possa esserci spazio per un “Leicester italiano”. “Me lo auguro per il bene del calcio, ma sarà molto difficile. Quest’anno la Juve partirà sicuramente da protagonista, ma sono convinto che sarà un campionato avvincente fino alla fine e questo perché la sensazione che si ha è che il nostro calcio stia migliorando veramente molto, ecco perché spero di vedere un campionato dove fino alla fine più tifosi possano sognare“.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Un torneo, quello che sta per iniziare, che non avrà o non dovrebbe avere tra i protagonisti Cassano e Balotelli, il primo in rotta con la Samp, il secondo che dopo essere stato scaricato dal Milan non rientra nel progetto Liverpool. Due attaccanti su cui Prandelli ha insistito molto nel suo quadriennio azzurro. “Non conosco nel dettaglio le loro situazioni personali, ma il mio augurio e’ che possano tornare a dimostrare il loro valore – ha spiegato l’ex ct azzurro -. Sono convinto che caratterialmente siano forti, ma hanno la necessità di dimostrarlo. Cassano ha sposato la Samp a vita, ha dato dimostrazione di grande amore per Genova e la squadra e credo che possa essere un valore aggiunto per una società capace di programmare come la Samp. Come ho sempre detto e sostenuto, anche se molti mi sono andati contro, le qualità di Balotelli sono tante, ma il motore trainante e’ la testa, deve decidere lui di ricominciare con grande umiltà“.

LaPresse

LaPresse

Niente etichette per i giovani che possono fare il salto di qualità. “Mi sono sempre rifiutato di darne, alcuni calciatori sono diventati mediaticamente prima personaggi e poi calciatori, invece e’ giusto fare crescere i giovani, ci sono stranieri che arrivano da noi, non gli diamo tanta importanza ma poi diventano protagonisti. Penso a Dybala, nei primi anni di Palermo molti erano scettici su di lui, poi lavorando e’ cresciuto nelle difficolta’, mediaticamente i giovani devono diventare personaggi dopo essere diventati calciatori“. Tornando al discorso Sassuolo e legandolo ai giovani talenti, Berardi e’ ormai da considerare un grande talento. “Sicuramente, da anni diciamo che il suo problema potrebbe essere caratteriale, probabilmente invece e’ la sua forza, sta dimostrando di avere grandi capacità di migliorarsi, ha avuto, anche grazie a Di Francesco, un miglioramento straordinario in questi anni“.

LaPresse/Alessandro Fiocchi

LaPresse/Alessandro Fiocchi

Siamo di fronte a un grande talento – ha proseguito Prandelli -, a un giocatore che abbina a qualita e fantasia, la capacità di giocare per gli altri. Da tre anni è titolare in serie A. Lo deciderà lui, ma penso sia pronto per una grande squadra, anche se il progetto Sassuolo è vincente soprattutto per un giovane“. Per Prandelli, però, non è Berardi il simbolo del Sassuolo. “Metterei prima la società, ha capito che poteva avere grandi margini per far bene e ha lavorato per farne tesoro, poi ha preso un allenatore come Di Francesco che ha sposato la filosofia del club e ha portato idee e metodologie nuove. Si sono trovati e quando grandi personaggi si incontrano creano sempre miscele importanti”. (ITALPRESS).