Venerdi 9 Dicembre

Zaccheroni, schiaffo a Euro2016: “bassa qualità, meglio andare a mare”

LaPresse/Massimo Paolone

L’ex allenatore di Milan, Inter e Juventus Alberto Zaccheroni, commenta l’Europeo che sta per concludersi: ecco la sua analisi

jn1 / LaPresse

jn1 / LaPresse

“Le prime partite degli Europei non mi sono piaciute, il torneo allargato ha abbassato la qualità. Poi è migliorato”. E’ l’analisi di Alberto Zaccheroni, ex tecnico del Giappone, sugli Europei che si concluderanno domenica. “Spiace per come si è composto il tabellone dopo la prima parte, tutte le squadre forti da una parte è un peccato” ha detto ai microfoni di “Tutti convocati” su Radio 24. “Qualche buon giocatore l’ho visto, ma bisogna rivederli. Non ho visto tanto coraggio di osare in questo Europeo, ieri sera al 45′ ho lasciato la tv e sono andato al mare ha raccontato in riferimento alla semifinale tra Portogallo e Galles. Zaccheroni ha anche parlato di mercato e del suo passato al Milan.

Jonathan Moscrop

Jonathan Moscrop

Pjaca? Sono d’accordo con la Juventus: non parteciperei ad un’asta per un giocatore che si conosceva anche prima degli Europei. Inter? Se l’obiettivo è vincere allora bisogna andare sul sicuro quindi sono dalla parte di Mancini che vuole campioni. Ci vuole uno zoccolo duro di qualità e italiano, il Milan non ce l’ha quest’anno. Un allenatore può fare cose limitate senza. Io al Milan ho avuto uno zoccolo duro italiano che non si permetteva mai di intervenire sulle mie scelte” ha proseguito Zaccheroni che forte della sua seppur breve esperienza in Cina parla dell’impatto dei cinesi sul nostro calcio.

LaPresse - Spada

LaPresse – Spada

Il calcio cinese investe molto su indicazioni del governo. Lo stato in Cina incentiva il calcio con grandi agevolazioni fiscali. Da appassionato di calcio, però, non mi piace che Inter e Milan siano “cinesi” ma se vogliamo che il calcio italiano cresca è inevitabile. Da noi gli arabi non vengono, vengono solo i cinesi. Se vogliamo riportare dei campioni qui dobbiamo mettere il cuore da parte. A oriente l’unico calcio che seguivano in passato era la nostra serie A, ora non è più così” l’analisi di Zac. (ITALPRESS).