Venerdi 9 Dicembre

Wimbledon – Cuevas e Granollers rischiano una multa, volevano fare pipì in campo

Cuevas e Granollers rischiano una multa per aver protestato animatamente contro il giudice di sedia, reo di non avergli concesso la possibilità di andare al bagno

Bizzarro e alquanto divertente, almeno per gli spettatori, il siparietto inscenato ieri a Wimbledon dallo spagnolo Marcel Granollers e dall’uruguaiano Pablo Cuevas nel corso del doppio perso contro la coppia formata dall’inglese Jonny Marray e il canadese Adil Shamasdin.
CuevasGranollersWimbledo I due tennisti vanno verso una multa per… pipì, dal momento che hanno pensato bene di protestare in maniera plateale con l’arbitro dopo il rifiuto di accordare una ulteriore pausa per andare alla toilette. Il regolamento, infatti, prevede che il match possa essere interrotto solo per due break, con la possibilità di un terzo solo in casi eccezionali. Il giudice di sedia francese, non ritenendo abbastanza urgenti i motivi di Cuevas e Granollers, ha deciso di opporre il proprio fermo rifiuto, scatenando l’ira dei due tennisti. L’uruguaiano è stato sanzionato la prima volta per aver minacciato di fare la pipì in un barattolo di palline, per poi scagliare successivamente la palla fuori dal campo, regalando il match point agli avversari. A fine match, comprensibile la felicità di Marray e Shamasdin che, comunque, hanno dato ragione a Cuevas e Granollers: “sono andato in bagno due volte durante la partita e, ovviamente, il quinto set è stato molto lungo. Penso che si dovrebbe essere consentito un pausa toilette in più se si tratta di cinque set” ha sottolineato Marray. “Non mi pare avesse molto il match in pugno – ha continuato Shamasdin  – ha fatto un sacco di errori su entrambi i fronti, in precedenza ed era un po’ frustrata da questo“.