Martedi 6 Dicembre

Tour de France, le pagelle di Sport Fair: Sagan il migliore nell’edizione del tris di Froome, ecco i nostri voti

LaPresse/Reuters

Tour de France, le pagelle per la 103ª edizione vinta da Chris Froome: Sagan il migliore, male in tanti…

Due mesi fa commentavamo un bellissimo Giro d’Italia che ci aveva regalato emozioni straordinarie. Oggi invece siamo costretti a commentare un Tour de France estremamente noioso, con pochi scossoni.

Peter Sagan in maglia gialla (foto A.Broadway)

Peter Sagan in maglia gialla (foto A.Broadway)

Se non fosse stato per Peter Sagan (10 & lode) si sarebbero addormentati persino i reporter su moto ed elicotteri con il compito di raccontare la corsa. Il fenomeno slovacco ha vinto 3 tappe, è arrivato due volte secondo e tre volte terzo: 8 volte tra i primi tre su 21 tappe è davvero tanta roba. Ha vinto per il 5° anno consecutivo la maglia verde della classifica a punti, stabilendo il nuovo record da sempre (470), ed è stato premiato anche come il Super-Combattivo del Tour.

Ciclismo: Tour de France - tappa 3E’ stato un gregario di lusso per Roman Kreuziger (7) trascinandolo al 10° posto della generale con una grande fuga nell’ultima tappa alpina. Ha dato spettacolo, un vero e proprio show con la sua eleganza sulla bicicletta ma non solo. Ha tagliato un traguardo con pendenza al 12% impennando con una mano e salutando con l’altra (qui il video). S’è fermato in un camper di un tifoso per andare in bagno (qui la foto). Ha fatto impazzire i tifosi (e le tifose). Fantastico sulla bici e con i piedi per terra.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Nella Tinkoff (9) merita un voto altissimo (8) anche Rafal Majka, che era arrivato 5° al Giro d’Italia, qui ha sfiorato 4 volte una vittoria di tappa (un secondo posto e tre terzi posti), ha vinto la classifica generale della maglia a pois ed è stato spesso protagonista. Niente male, per la squadra che era al Tour per lottare per vincerlo con Alberto Contador (9) ma ha dovuto subire il ritiro del Pistolero dopo le brutte cadute delle prime tappe, e si è saputa re-inventare vincendo due maglie prestigiose come quella verde e quella a pois, terza tra i team che hanno guadagnato di più (150 mila euro, di cui 100 mila solo grazie a Sagan). Il decimo posto nella classifica generale di Kreuziger è stata la ciliegina sulla torta. 

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il nove a Contador non è un errore: il campione spagnolo s’è dovuto ritirare sui Pirenei nella 9ª tappa del Tour, dopo che aveva stoicamente resistito 9 lunghissimi giorni dopo la brutta caduta della prima frazione. Sanguinante, acciaccato, con una spalla fuori posto, Contador non solo ha provato a resistere, ma proprio nella tappa del ritiro (mentre aveva la febbre alta), prima di arrendersi (dopo 85km), aveva persino attaccato sulla prima salita di giornata. Dopo il suo ritiro, ci è mancato tantissimo. Con la sua fantasia avrebbe potuto mettere in difficoltà un Froome non certo stellare come gli altri anni, Ma comunque vincente.

A.Broadway

Froome (foto di A.Broadway)

Chris Froome il suo 9 se lo merita tutto, perchè ha vinto il terzo Tour de France (non è roba da tutti), l’ha vinto con oltre 4 minuti sul secondo in classifica, vincendo due tappe e dando tanto spettacolo. Sì, spettacolo. Perchè Froome stavolta la differenza non l’ha mai fatta in salita. Non s’è vista neanche una delle sue tipiche “frullate”. In salita è arrivato sempre con i migliori, diverse volte qualche secondo dietro gli altri.

froome squadra skyLe differenze le ha fatte nelle due cronometro ma anche con due azioni straordinarie, una in discesa e una in pianura. Due azioni emozionanti che hanno legittimato il suo successo, ottenuto anche grazie a una squadra incredibilmente forte e compatta intorno a lui. Al Team Sky va un 10 pieno. Correndo da gregari, cedendo la loro bicicletta a Froome nei momenti del bisogno, ammazzandosi di lavoro sin dalle prime ore delle tappe, abbiamo in classifica generale Henao 12°, Thomas 15°, Nieve 17°, Poels 28°, Landa 35°… Ecco perchè se a Froome diamo 9, tutti i suoi gregari e i componenti della squadra meritano 10.

G.Demouveaux

Bardet (foto di G.Demouveaux)

Secondo in classifica generale il francese Romain Bardet. Nove e mezzo. Ha appena 25 anni, ha vinto una tappa stupenda, con il coraggio che è mancato all’Astana e a Fabio Aru che quel giorno avrebbe dovuto compierla lui quell’azione. Bardet è partito a 15km dal traguardo, in discesa, ha schivato con estrema lucidità lo specchietto di un’auto parcheggiata sul ciglio della strada che avrebbe potuto fargli molto molto male, e poi da solo ha conquistato una tappa e il secondo posto del podio con un’azione bellissima. Se non ci fosse stato Diego Rosa a tirare (inutilmente) il gruppo, quel giorno Bardet si sarebbe avvicinato tantissimo a Froome nella classifica generale. Anzi, se ci fosse stato Diego Rosa con Nibali e Aru nell’azione insieme a Bardet, si sarebbe potuto riaprire tutto il Tour de France. Il giovane francese, però, ha dimostrato che in futuro questo Tour lo può vincere eccome.

G.Demouveaux

Aru (foto di G.Demouveaux)

Male, invece, l’Astana (4) di cui abbiamo già parlato a lungo. Non vogliamo essere troppo severi con Fabio Aru (6,5), comunque 13° al suo primo Tour de France, ma è stato un errore scegliere di preparare a 26 anni soltanto il Tour in una stagione, è stato un errore incoronarlo capitano mettendogli troppe pressioni alla sua prima esperienza. Ma non è certo colpa sua. E quest’esperienza in futuro gli servirà eccome.

NibaliNibali, invece, merita 7: ha vinto il Giro d’Italia, al Tour ha provato a dare spettacolo, è andato 5 volte in fuga, non s’è fatto problemi a lavorare da gregario – lui che è un grande campione – per un esordiente. Non l’avrebbero fatto tutti. E’ stato l’unico italiano a salire sul podio delle premiazioni grazie a un numero rosso, e alla fine è stato il miglior italiano per i premi (ha vinto quasi 11 mila euro contro i 7 mila di Aru). E tanto lavoro nelle gambe per la corsa di Rio.

Tornando alla classifica generale, molto bene il giovane Adam Yates (8) ma anche l’eterno Alejandro Valverde (8), terzo al Giro e sesto al Tour a 36 anni. Saluta tutti Purito Rodriguez (8) con un settimo posto nella sua ultima volta al Tour.

pantano ombrelloLa più bella sorpresa è stato Jarlinson Pantano (9), vincitore di una splendida tappa, 19° in classifica generale, spesso tra i più combattivi e anche molto simpatico. L’immagine dell’ombrello sotto il diluvio dei Pirenei rimarrà nella storia del ciclismo. Lo ritroveremo con la maglia della Colombia nella durissima gara di Rio.

G.Demouveaux

Dumoulin (foto di G.Demouveaux)

Speriamo che ci sia anche Tom Dumoulin (8,5), protagonista di un fantastico Tour con due vittorie di tappa e poi una sfortunatissima caduta nell’ultima tappa alpina che potrebbe costringerlo a saltare i giochi. A proposito di cadute: dopo quella disastrosa del Giro, s’è ripreso alla grande il russo Ilnur Zakarin (7,5) che si è rifatto vincendo una bellissima tappa.

Bene anche Thomas De Gendt (7,5),  Greg Van Avermaet (7), Julian Alaphilippe (6,5) e Rui Alberto Faria da Costa (6,5).

A.Broadway

Cavendish (foto di A.Broadway)

Tra i velocisti, 8,5Mark Cavendish vincitore di 4 tappe e dominatore assoluto. Kittel e Greipel (5,5 a entrambi) si sono dovuti accontentare delle briciole (una tappa ciascuno). Meglio Michael Matthews (6), anche lui vincitore di una tappa ma più protagonista nelle altre frazioni.

Tra gli italiani gregari, bene Damiano Caruso (6,5), male Domenico Pozzovivo (5), già sottotono anche al Giro.

B.Papon

Froome e Quintana (foto di B.Papon)

Ma peggio di tutti hanno fatto Quintana (4) e Richie Porte (4), a menarla da un anno intero con il sogno giallo per poi sciogliersi come neve al sole nei momenti decisivi della corsa. Stesso voto dell’Astana e del ds azzurro Giuseppe Martinelli (4).

Qualcosa in meno (3) all’organizzazione e alla giuria del Tour: l’arco dell’ultimo chilometro che cade sui corridori, la caduta sul Ventoux e soprattutto l’assurda decisione di annullare i distacchi di quella tappa (calcolandoli sui dati approssimativi di radio corsa, non certificati), hanno gettato numerose ombre su una competizione che resta comunque la più ambita, ma rispetto al Giro d’Italia è sempre meno spettacolare e peggio organizzata.

Tour de France, ecco quanto hanno vinto i corridori: la classifica degli euro. Nibali miglior italiano [CIFRE]

Qui il racconto fotografico:

Questo slideshow richiede JavaScript.