Sabato 3 Dicembre

Rio 2016, pazzesco attacco di Harting a Bach: “è vergognoso, ha dimostrato di sostenere il doping”

Lapresse

Il discobolo tedesco Robert Harting ha attaccato duramente il presidente del Cio Bach per non aver escluso definitivamente la Russia da Rio 2016

La decisione del presidente del Cio Thomas Bach di non escludere la Russia dai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro ha scatenato l’ira del discobolo tedesco Robert Harting, campione olimpico in carica e tre volte campione del mondo.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Quello dell’atleta teutonico è un vero e proprio attacco al numero uno del Comitato Olimpico internazionale, accusato di non aver dato seguito alle clamorose rivelazioni della Wada, dimostrando di essere parte del “sistema doping, non di quello antidoping». Harting, come se non bastasse, ha rincarato la dose, sottolineando in maniera feroce la sua opposizione a Bach: “mi vergogno di lui. Detesto questa persona e non tollero il fatto che, indirettamente, debba lavorare con lui. La decisione della Iaaf invece è corretta, escludere gli atleti russi da Rio potrà funzionare da sveglia. Non mi interessa condividere il dolore degli atleti puliti ai quali verrà impedito di essere ai Giochi. La decisione del comitato olimpico, invece, segna un clamoroso passo indietro nella lotta al doping, non la capisco e, anzi, la trovo imbarazzante. Il Cio, sotto la guida di Bach, ha toccato livelli assolutamente deludenti. E sono molto amareggiato anche per il comportamento della commissione Etica del Cio che non concederà a Yulia Stepanova di essere in gara nonostante il fatto che con le sue rivelazioni abbia scoperchiato la situazione russa“.