Mercoledi 7 Dicembre

Quando Manchester diventa MADchester

LaPresse/Simone Rosa

Dalla “acid culture” allo scontro Pep – Mou: Manchester quest’anno può tornare davvero una “folle città”!

Da Manchester a Madchester il passo è breve. È un gioco di parole che fa della abituale Manchester la “pazza” (mad) Madchester. È già successo, crediamo ri-succederà. Vediamo perché. C’è stato un tempo in cui la triste e piovosa Manchester divenne l’epicentro mondiale di un fenomeno che avrebbe fatto ballare i ragazzi di ogni latitudine. Erano gli anni a cavallo fra la metà degli anni 80 e la metà degli anni 90, e a Manchester aprì i battenti un locale dal nome molto particolare: Hacienda. Negli anni 90, Hacienda venne definito da Newsweek il locale più famoso del mondo. Perché? Perché fra le sue mura, con le sue note, in mezzo al suo pubblico nacquero leggende come il sorridente “smile” di colore giallo e tutta la cultura “acid house”, danzante e non. The Hacienda, in “MadChester”, è stato forse uno degli ultimi club a creare, diffondere, e sostenere un nuovo tipo di cultura, quella che rispondeva per l’appunto al grido “aciiiiid!” Anni dopo, Manchester corre il rischio di trasformarsi nuovamente nella pazza Madchester.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Questa volta il perché è da ricercarsi nel calcio, non più nella musica, e porta i nomi di due allenatori, come cause principali: Pep e Mou. 6 sole lettere per una rivoluzione cittadina. Pep VS Mou ha già contenute, nel DNA di questa sfida, tutte le caratteristiche per fare impazzire una città. I due più grandi allenatori del momento si ritrovano di fronte, uno da una parte, uno dall’altra, ad allenare le squadre che rappresentano Manchester nel football: City e United.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Se ammettiamo che il calcio più bello e importante si gioca oggi in Inghilterra, ecco che la sfida cittadina Pep VS Mou assume toni planetari. Guardiola sulla panca dell’azzurro City. Mourinho sulla panchina dei rossi dello United. Non serve aggiungere altro, se non che verrebbe davvero la voglia di trasferirsi, per un anno almeno, in quel di Manchester, per osservare come la città, al comando di questi due prodi condottieri, si trasformerà ben presto nella folle Madchester.