Domenica 4 Dicembre

Napoli, ira De Laurentiis: “Higuain traditore ingrato, ecco quando capii che sarebbe andato via”

LaPresse/Stefano Costantino

Non si placa l’amarezza a Napoli per l’addio di Higuain, De Laurentiis rilancia e attacca il Pipita: “traditore ingrato”

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Higuain, furia De Laurentiis –Avevamo capito, sin dalle prime dichiarazioni del fratello di Higuain, che si sarebbe corso il rischio di dover individuare un nuovo centravanti, e per questo le riflessioni erano state avviate, ma non pensavamo seriamente che sarebbe andato via, né che avrebbe cancellato con un colpo di spugna il suo triennio napoletano. C’è chi dice che parlare di tradimento sia esagerato, e invece io penso il contrario, perché in questa scelta c’è il senso pieno del tradimento, che comprende anche l’ingratitudine”. Nel giorno in cui Gonzalo Higuain arriverà a Torino sponda bianconera, a Napoli non sembra essere scemata la rabbia per l’addio del Pipita.

LaPresse/Valter Parisotto

LaPresse/Valter Parisotto

Higuain, furia De Laurentiis – A parlare nel corso di una lunga intervista rilasciata al Corriere dello Sport è Aurelio De Laurentiis, argomento principale Higuain: “siamo consapevoli del dolore della gente, ch’è stato per un po’ anche il nostro. Io penso che i tifosi sappiano rileggere la storia del club e quella di questi ultimi dodici anni; credo che la bontà del nostro progetto sia nei risultati e nel riconoscimento affettivo che riceviamo sistematicamente. E’ chiaro: fa più rumore registrare il venticello contrario, qualche fischio isolato o il chiacchiericcio sul web. Ma a Trento, per esempio, gli applausi sono stati superiori ai cori di dissenso, peraltro scatenati dalla notizia dell’addio di Higuain. Da sette anni siamo in Europa, ma che non siamo mai venuti meno agli impegni”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Higuain, furia De Laurentiis – Il Presidente del Napoli, non nasconde il sogno Icardi per sostituire Higuain: “se ci rifugiassimo, come strategia, semplicemente nell’acquisto ad effetto, torneremmo indietro di quarant’anni. Icardi? E’ chiaro a tutti che lo vorremmo. Non mi piace entrare nelle pieghe di vicende che devono essere riservate, per quanto possibile. Non mi sembrerebbe elegante, in questo momento, che sia io a rivelare alcuni aspetti privati. Ma che Icardi sia un centravanti straordinario lo dicono i numeri; l’avevamo praticamente preso prima che andasse all’Inter. Certi amori non finiscono, evidentemente. Certi amori…”