Giovedi 8 Dicembre

MotoGp, Iannone parla già da pilota Suzuki: la Ducati è ormai il passato

LaPresse/Costanza Benvenuti

Con metà stagione ancora da disputare, Andrea Iannone pensa già al 2017, quando vestirà i colori Suzuki insieme a Rins

Una stagione da concludere al meglio vestito di rosso Ducati, e un’avventura da iniziare nel 2017 con la Suzuki. Andrea Iannone rimane concentrato sugli obiettivi prefissati ad inizio anno dal team di Borgo Panigale ma, durante un’intervista rilasciata a Speedweek.com, il pilota abruzzese si è lasciato andare ad alcune dichiarazioni sulla prossima stagione.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Negli ultimi quattro anni in Ducati mi sono sentito molto apprezzato, sono stato sostenuto sin dai miei primi giorni dal gruppo Pramac, e quelli sono stati due anni veramente buoni. Sono molto felice, però, di aver preso questa decisione, è giunto il momento di chiudere la mi avventura con la Ducati”. La Suzuki lo aspetta, ma Iannone non sa ancora cosa aspettarsi: “immagino di vedermi in blu, perché questo è il colore della squadra – scherza il pilota abruzzese – sono convinto che raggiungeremo buoni obiettivi insieme. Suzuki è attualmente in buona forma, hanno fatto un grande passo in avanti. Ho parlato con Rins quando ho firmato il contratto, credo che continuerà ad essere un buon pilota, perché la moto è migliorata da quando è arrivato Maverick Viñales. Lui viene dalla Moto2 e certamente saprà adattarsi rapidamente alla classe regina. Spero non sia troppo veloce! Credo che saremo una delle migliori squadre della MotoGP nella prossima stagione”.