Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp, a tutto Iannone: “io come Marquez e Rossi. L’addio alla Ducati? Fa ancora male”

Intervistato da Tuttosport, Andrea Iannone svela le sue sensazioni dopo una prima parte di stagione non proprio esaltante

L’ultima stagione in Ducati non sta regalando particolari soddisfazioni ad Andrea Iannone, pronto dal prossimo anno a svestire la tuta rossa per indossare quella della Suzuki.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Tuttavia, il pilota di Vasto non ha nessuna intenzione di tirare i remi in barca, anzi l’obiettivo è quello di risalire la classifica e stupire in questa ultima parte di campionato. Gli errori sono stati molti, ma Iannone sembra aver imparato la lezione: “fin dalla prima gara sono sempre stato molto veloce – le parole del pilota Ducati rilasciate a Tuttosportme la sono sempre giocata con i top rider. Però è vero che ho avuto alcune occasioni per puntare molto in alto, ma non ci sono arrivato. Ho fatto qualche errore”. I motivi di queste difficoltà non sono legati solo al cambiamento delle regole del campionato MotoGP nel 2016, ma anche ad altro: “intanto la firma anticipata con la Suzuki, poi l’addio alla Ducati per il quale sono ancora un po’ dispiaciuto

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Credo di aver fatto uno step di crescita. Sono sempre più vicino a Lorenzo, Marquez e Valentino. Stoner? La vivo bene, ho un buon rapporto con Casey. E’ molto veloce, ma lo siamo anche io e Dovi. Se tornasse anche in gara sarei contento”. Le prove in Austria hanno esaltato le Ducati che, nel prossimo Gp ferragostano, potrebbero tornare alla vittoria: “ci proviamo, l’obiettivo è quello. Spero di riuscirci prima di passare alla Suzuki”.