Sabato 10 Dicembre

Moto Gp, Valentino Rossi si autopunisce: “ho fatto la via Crucis a casa”

LaPresse/EFE

Valentino Rossi non dimentica l’errore di Assen: niente vacanze per il campione di Tavullia in queste due settimane di stop

I piloti della Moto Gp sono tornati in pista oggi, al Sachsenring, per la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Germania, dopo due settimane di stop. Nonostante sia passato tanto tempo però Valentino Rossi non dimentica quanto accaduto ad Assen: il Dottore è caduto, perdendo preziosissimi punti in ottica campionato. Una delusione, quella del campione di Tavullia, che non lo ha fatto andare in vacanza: Danilo Petrucci ha infatti raccontato di averlo chiamato per andare al mare insieme ma di aver ricevuto un categorico no come risposta.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Ho passato il tempo a fustigarmi, ho fatto la Via Crucis a casa. La delusione passa, ma resta il rammarico per l’occasione buttata via in ottica campionato. Così sono rimasto a casa. Due settimane fermo tra Barcellona e Assen, altre due prima di arrivare qui. Non è facile restare concentrato. Rivedendo Assen ho avuto la conferma che sbagliare era facile. Ma il mio è stato comunque un errore grave, potevo vincere anche andando più piano“, ha dichiarato Rossi come riportato su La Gazzetta dello Sport.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Rivedendo la gara, soprattutto la seconda parte, c’erano delle condizioni molto particolari, in cui era molto facile commettere un errore ed infatti siamo caduti in tanti. Il mio errore però è stato abbastanza grave, perché avevo il potenziale per vincere anche andando un pochino più piano. Potevo tenermi qualche decimo“, ha aggiunto il Dottore che poi spiega la differenza tra Honda e Yamaha: “dove il tracciato è più tortuoso e c’è tanto grip come qui le Honda hanno un vantaggio, ma a livello generale non credo che la Yamaha sia così meglio della Honda come dicono tutti. In ogni caso su questa pista diversa da tutte, forse quella meno da MotoGP, almeno nella prima parte, loro vanno forte. Però l’anno scorso ero sempre stato competitivo, vediamo ora anche come si comporteranno le gomme, che qui sono cruciali”, ha concluso il nove volte campione del mondo.