Mercoledi 7 Dicembre

Moto Gp, Iannone ammette: “mi caco un po’ sotto”

Andrea Iannone sincero: il pilota della Ducati ammette di temere un po’ la curva 11 del circuito di Sachsenring

Sono appena finite le seconde prove libere del Gran Premio di Germania. Dopo la difficile sessione mattutina, i piloti sono tornati in pista nel pomeriggio per testare le loro moto, e soprattutto la nuova gomma anteriore asimmetrica studiata dalla Michelin proprio per questo Gran Premio, in vista della gara di domenica.

Una giornata positiva per Andrea Iannone: il ducatista è stato il più veloce della sessione mattutina, caratterizzata dalla pioggia e si è piazzato al secondo posto, alle spalle solo di Vinales, nel pomeriggio.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Tutto sommato non siamo messi male, non siamo andati male, stamattina ho subito avuto un buon feeling e pomeriggio idem, sono partito con molta fiducia il comportamento della moto mi piace e sono un po’ sorpreso, entusiasta perchè se ricordo l’anno scorso o due anni fa qui facevamo una fatica bestiale, quindi vuol dire che ancora una volta siamo riusciti a fare un buon lavoro e tutti i ragazzi a casa si meritano secondo me un grande applauso, io sono tanto sorpreso“, ha dichiarato il campione di Vasto ai microfoni di Sky Sport al termine delle FP2.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Per quanto riguarda la giornata di oggi abbiamo un po’ di problemi generali col grip sia davanti che dietro ma credo ce l’abbiamo tutti  e c’è questo problema che la Michelin secondo me ha portato le gomme giuste, il problema è che la temperatura è troppo bassa e quindi stiamo cercando di adattare al meglio il setting della moto per andare incontro un po’ a questa situazione e vedremo“, ha aggiunto Iannone.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Noi abbiamo la stessa moto di Assen, non abbiamo fatto nessun cambiamento ed è una cosa molto positiva, abbiamo provato la seconda moto che ha un setting diverso ma non mi è piaciuta, sono andato molto più piano però ha delle cose interessanti e quindi cerchiamo di fare un pacchetto per domani differente che si possa avvicinare alla nostra filosofia e idea“, ha spiegato il futuro pilota Suzuki che poi, riguardo la curva 11, dove oggi ci sono state tante cadute, ammette sincero e scherzoso: “sicuramente in questo momento non ho tirato fuori tutte le palle che ho per fare la 11 date tutte le cadute che ci sono state, la 11 non la sto facendo troppo forte, sono sincero, mi caco un po’ sotto, non voglio dare una botta lì perchè in passato ne ho data più di una e me la ricordo, ma vediamo nei prossimi giorni“.