Martedi 6 Dicembre

Marcialonga, la celebre ski marathon, incorona la sua nuova Soreghina

Newspower

Marcialonga è pronta per incoronare la sua nuova Soreghina,  la ‘figlia del Sol’, colei che sarà musa ispiratrici degli eventi sportivi della Marcialonga

L’incoronazione della ‘figlia del Sol’, ovvero la figura femminile che con dolcezza e preparazione segue, passo dopo passo, gli eventi sportivi e le iniziative della Marcialonga, avverrà giovedì 28 luglio alle ore 21 alla “Sala Don Antonio Longo” di Varena (TN). Il comitato organizzatore ha da poco chiuso le iscrizioni delle candidate a diventare la futura Soreghina e sta ora preparando ogni dettaglio in vista della prestigiosa serata. Alle ore 21 il sipario si aprirà con il canto “Te salude Val de Fiem” del coro Val Lubie, un inno alla valle e alle sue vette che si slanciano ardite verso il cielo, foreste lussureggianti e torrenti d’acqua limpida; una zona che, assieme alla limitrofa Val di Fassa, ospita da decenni gli eventi firmati Marcialonga.

Gessica Defrancesco.Il Coro Val Lubie nacque a Varena nel 1989 su iniziativa di un gruppo di amici spinti dalla passione per i canti di montagna, una storia familiare alla Marcialonga, quando nel lontano 1971 i quattro fondatori della celebre ski-marathon Mario Cristofolini, Giulio Giovannini, Roberto Moggio e Nele Zorzi diedero vita ad una storia che il 29 gennaio 2017 compirà ben 44 anni. Il destino comune della Soreghina abbinata alla Marcialonga invece ebbe inizio nel 2002 con la prima ambasciatrice della manifestazione, Carlotta Nemela, proseguendo nell’ordine nelle edizioni successive con Elisa Sardagna, Sara Tonini, Eleonora Detomas, Martina Bernard, Giovanna Zeni, Barbara Vanzo, Francesca Braito, Veronica Lorenz, Elisa Varesco, Elisa Zanon, Arianna Iori, Valentina Monsorno, Giulia Pastore, sino ad arrivare alla Soreghina ‘uscente’ Gessica Defrancesco.

In alternanza al coro Val Lubie, ad intrattenere il pubblico ci penserà anche un gruppo composto da nove musicisti attualmente impegnati nella Banda Sociale di Cavalese: Anna Donei, Silvia Gardener ed Elisa Vanzo al clarinetto, Isabel Goss al flauto traverso, Anja Goss ed Arianna Sieff alla tromba, Alessandro Delvai al rullante, Simone Vanzo al trombone e Paolo Deidda all’euphonium, proporranno i seguenti brani: Schloss Horneburg di Siegfred Rundel, Schone Urlaubzeit di Ivan Presern e Schneewalzer di Thomas Koschat. La giuria chiamata ad incoronare la nuova ‘eletta’ sarà composta dal presidente della Marcialonga Angelo Corradini, dal sindaco del Comune di Varena Paride Gianmoena, da Giacomo Boninsegna – Scario della Magnifica Comunità di Fiemme che offrirà oltre alla fascia d’incoronazione anche un prezioso gioiello, quindi da Alan Barbolini, rappresentante di ITAS Assicurazioni che concederà alla fortunata un premio in denaro, da Renato Dellagiacoma, presidente dell’APT della Val di Fiemme, da Davide Moser, vicepresidente dell’Apt Val di Fassa, e da Stefania Monsorno, collaboratrice della stampa locale.

Newspower

Newspower

La giuria sarà chiamata a scegliere chi fra le ragazze provenienti da località delle due vallate, rappresenterà Marcialonga nel prossimo ed immediato futuro: Camilla Canclini di Moena, Mariaelena Ciresa di Carano, Margherita Corso di Cavalese, Noemi Defrancesco di Varena, Maria Partel di Ziano di Fiemme e Ludovica Piazzi di Predazzo. La Soreghina 2017 sarà la nuova ‘fata delle Dolomiti’, il nome Soreghina in dialetto locale significa sottile raggio di luce, una figura che risplende di rara bellezza.

Le ragazze hanno tutte un’età compresa tra i 18 e i 30 anni, sono residenti in Val di Fiemme o Val di Fassa, conoscono le lingue, sono estroverse, sportive ed attive nel volontariato: Camilla Canclini sta per concludere il corso di laurea in “Mediazione Linguistica e Culturale” all’università degli studi di Padova, Ludovica Piazzi è una sportiva nata, ha praticato sci alpino e snowboard a livello agonistico, mentre ora l’agonismo ha lasciato spazio a tranquille passioni a contatto con la natura. Margherita Corso è amante dei viaggi ed è stata per lei significativa un’esperienza di volontariato che l’ha portata ad accompagnare in montagna alcune persone non vedenti. Maria Partel ha perfezionato le proprie abilità linguistiche in diversi paesi stranieri, in ambito sanitario è stata volontaria della Croce Rossa ed ha fatto parte del gruppo regionale di clown-terapia “Cuore per un Sorriso”. Mariaelena Ciresa ha avuto esperienze nel settore del sociale presso diverse realtà quali disabilità, infanzia e immigrazione, mentre a Noemi Defrancesco piace camminare in montagna e sciare a livello amatoriale e, nota da non sottovalutare, ha partecipato alle edizioni 2015 e 2016 della Marcialonga Light.

Newspower

Newspower

La serata sarà accompagnata da numerose musiche e canti tipici, come “Oh Carlota”, un’allegra filastrocca che rievoca il lavoro nei campi e i primi amori sbocciati nelle calde giornate d’estate, “L’ora della Sera”, dedicata al momento del tramonto quando le ombre della notte si allungano sulla valle… E ancora “Fiori de Cristal”, un canto dedicato al rifugio Dodici Apostoli e alla salita in solitaria degli alpinisti, insomma gli ingredienti ci sono tutti per rendere magica la serata che incoronerà la prossima “figlia del Sol”, al debutto alla Marcialonga Running Coop del 4 settembre.

Salva