Lunedi 5 Dicembre

Incubo Champions League ancora da smaltire, Simeone svela: “A Milano è come se fossi morto”

LaPresse/Daniele Badolato

A distanza di alcuni mesi dalla sconfitta in finale di Champions League, Simeone svela il suo stato d’animo dopo il derby Atletico-Real

Non ho mai parlato come se volessi lasciare l’Atletico. E’ molto difficile spiegare quello che ho sentito dopo quella finale, è stato come morire e avevo bisogno di una sfida. L’ho affrontata dove dovevo e ora sono pronto per quello che arriverà“.

LaPrese/EFE

LaPrese/EFE

Diego Simeone, alla vigilia dell’amichevole col Tottenham nell’International Champions Cup, torna sulla finale di Champions persa a San Siro contro il Real e su quello sfogo a fine partita che sembrava presagire a un addio. “Tutto quello che ho pensato dopo la finale di Milano non posso spiegarlo nel poco tempo di una conferenza stampa. Ma ora mi sento forte, fiducioso ed entusiasta. Tengo molto al lavoro dei miei calciatori, c’è da lavorare bene nel precampionato, chiudere il mercato e sfruttare al meglio tutte le nostre virtù durante la stagione“. Simeone sarà anche in questa stagione l’allenatore dei colchoneros ma spesso e volentieri il suo nome viene accostato all’Inter: “è chiaro che sono un allenatore giovane e il calcio mi porterà a nuove sfide e sia la Premier League che la serie A mi attraggono”. Infine una battuta su Griezmann: “per me è fra i tre migliori giocatori d’Europa e può puntare al Pallone d’Oro, ha fatto gol ed è stato sempre determinante“. (ITALPRESS).