Sabato 10 Dicembre

Il campionato è finito

LaPresse/Daniele Badolato

Ecco perché il campionato di serie A è già finito…

Il campionato è finito. Dispiace un po’ a tutti, ma è così. Occorre farsene una ragione, sin da oggi. Sotto l’ombrellone, mentre si nuota in acqua, costruendo immaginifici castelli di sabbia: meglio iniziare a pensare a cosa fare, quest’anno, invece di sperare. Il campionato è finito. Basterebbe già così. Senza il bisogno di calare l’asso. Se alla squadra più forte d’Italia si aggiungono un clima disteso e rilassato, l’attuale concentrazione, il silenzio che la circonda, e tre innesti del calibro di Pjanic, Benatia e Pjaca, allora, alle contendenti, resta solo una cosa da fare: arrendersi.

Foto LaPresse - Gerardo Cafaro

Foto LaPresse – Gerardo Cafaro

Se poi ai giocatori in rosa dovesse aggiungersi Higuain, allora saremmo curiosi di conoscere le quotazioni della Juve per il prossimo campionato. Del resto, si fa proprio così: si innestano pochi elementi, quelli necessari al progetto, ad una struttura ben orchestrata, in cui il gruppo e lo spogliatoio governano sugli show della singola star. Si lavora in silenzio, con fatica e organizzazione, mentre “le rivali” nella corsa scudetto brancolano nel buio societario più assoluto, procedendo a curare che gli “innesti” non abbiamo crisi di rigetto. E ci si presenta all’inizio del campionato con un gruppo-spogliatoio già rodato. E affamato. La ricetta appare semplice, metterla in pratica non è affatto facile. Prova ne è che il campionato, purtroppo o per fortuna, è già finito.