Lunedi 5 Dicembre

F1, Vettel sbotta: “l’esplosione in Austria? E’ facile parlare adesso”

LaPresse/Photo4

Il week-end di Silverstone sta per cominciare, ma Sebastian Vettel rimugina ancora sull’esplosione dello pneumatico avvenuta in Austria

Nonostante manchi pochissimi prima di tuffarsi nelle emozioni della pista con la prima sessione di prove libere in programma questa mattina sul circuito di Silverstone, in casa Ferrari è ancora viva l’amarezza per l’esplosione dello pneumatico che ha costretto Sebastian Vettel al ritiro in Austria.

vettel Sulla vicenda, è tornato a parlare lo stesso pilota tedesco, deciso comunque a guardare avanti: “è stato un peccato soprattutto perché non abbiamo finito una gara che avrebbe potuto essere molto buona. A posteriori è facile dire che avremmo potuto cambiare le gomme un po’ prima, ma durante la corsa tutto era sotto controllo. La nostra strategia era restare in pista ancora un po’, e non c’erano segnali che lasciavano presagire dei rischi. L’analisi ci ha detto che è stato un detrito, e non potevamo fare nulla in merito. Peccato, la strategia ad una sosta era corretta, e ci avrebbe permesso di arrivare nella fase finale della corsa con una gomma soft più fresca, ma è andata così.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

In Cina è successa la stessa cosa a Ricciardo, ma è stato più fortunato ad aver avuto il problema poco prima dell’ingresso box e a poter recuperare il terreno perso grazie alla safety-car”. Il livello della SF16-H continua ad essere lontano rispetto a quello della Mercedes, ma Vettel è fiducioso che la situazione possa migliorare: “non siamo ancora dove vogliamo essere. Ma non c’è un problema particolare da risolvere. Servono piccoli miglioramenti su diverse aree. Nella maggior parte delle curve lente credo che siamo competitivi, anche rispetto alla Mercedes, ma paghiamo un po’ in quelle medio-veloci. Sulla velocità massima siamo migliorati molto, anche se in qualifica la Mercedes stimiamo abbia la possibilità di aumentare la sua potenza di 25-30 cavalli”.