Martedi 6 Dicembre

F1, Jean Todt mette in guardia Ferrari e Red Bull: ecco il monito del presidente FIA

LaPresse/Belen Sivori

Al cospetto del dominio Mercedes, Jean Todt spinge gli altri team a migliorare se vogliono ridurre il gap dalla scuderia tedesca

Il Gp di Silverstone è andato da poco in archivio, il trionfo di Lewis Hamilton ha riaperto definitivamente i giochi per il titolo Mondiale, con Rosberg che adesso comanda con un solo punto di vantaggio sul compagno di squadra.

 LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

L’incertezza che regna nel circus della Formula 1 piace eccome al presidente della Fia Jean Todt che, durante un’intervista a Radio Uno, ha individuato i motivi del dominio Mercedes. “C’è una squadra dominante, che è la Mercedes, ma tocca alle altre cercare di migliorare, ci sono già altre squadre che progrediscono” le parole di Todt. “Nella storia della F1 ci sono state sempre squadre che dominano per un ciclo, con i nuovi motori abbiamo visto che la Mercedes ha lavorato meglio degli altri ma c’è un recupero promettente”. Sul suo ruolo di presidente della Fia, Todt chiosa: “la vita da presidente è impegnativa e interessante. Uno che pensa che tutto è al massimo non ha capito molto, la F1 è in buona condizioni ma si può fare meglio, il prossimo anno avremo delle modifiche interessanti al regolamento, ma già quest’anno il campionato è combattuto”.