Lunedi 5 Dicembre

F1 – Incidente Rosberg-Hamilton, il britannico sbotta: “in quello spazio ci stavano tre macchine”

Lapresse

Dopo quanto accaduto nel finale del Gp d’Austria, Lewis Hamilton torna sulla questione incidente, passando al contrattacco

Non accenna a placarsi la polemica in casa Mercedes dopo lo scontro avvenuto tra Hamilton e Rosberg alla curva 2 dell’ultimo giro del Gp d’Austria, una collisione costata cara al tedesco, costretto a cedere la prima posizione al compagno di squadra. A distanza di poche ore dal ‘fattaccio’, Lewis Hamilton è tornato ad analizzare la questione, provando a pensare solo alla sua vittoria e non ai suoi rapporti con Nico.

mercedesNon ho parlato con Nico, ovviamente siamo andati dai commissari, ma non ci siamo parlati” commenta il britannico ai microfoni di Motorsport.com. Non ho nulla da discutere, nulla da dirgli. Ho visto l’opportunità l’ho presa al volo, ed è andata bene! Io vivo per questi momenti, vivo per le corse, e in questo momento mi sento magnificamente. Spero di cavalcare quest’onda positiva in vista della prossima gara. La manovra è stato decisamente costosa nell’economia della corsa di Nico. Quando è uscito dalla curva “1” è saltato un po’ più del solito sul cordolo, e questo ti penalizza quando vai sull’acceleratore.

Lapresse/Photo4

Lapresse/Photo4

Li ho capito che avrei avuto una chance. Poi Nico ha preso la linea interna, così mi sono spostato all’esterno ed è andata bene. Se Nico fosse uscito da curva “1” come il giro prima, probabilmente non avrei avuto questa opportunità, ma fortunatamente per me è arrivata. Non è mia intenzione essere coinvolto in una collisione, ed oggi, come si può vedere, sono rimasto il più possibile vicino alla linea bianca esterna lasciando il massimo spazio possibile all’interno. Ci potevano stare tre monoposto in quello spazio. Ovviamente capisco molto bene che Toto voglia vedere le sue monoposto terminare la corsa in prima e seconda posizione, e questo deve essere l’obiettivo. Ed è anche il mio obiettivo, solo che voglio essere la prima di quelle due monoposto”.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Sugli ordini di scuderia che, dal prossimo Gp potrebbero far capolino in casa Mercedes, Hamilton sottolinea: “ho visto un filmato di Michael Schumacher e Barrichello risalente a molti anni fa, proprio qui in Austria, e ricordo di come sono rimasto deluso nel vedere gli ordini di scuderia. Toto e Niki sono stati dei grandi in questi ultimi tre anni, permettendoci di lottare liberamente in gara, a volte ci sono situazioni non perfette, ma questo è il Motorsport. Noi guidando 300 km/h, e vi aspettate che non ci sia mai, mai, e poi mai un problema? Ne dubito, quindi spero che non cambi nulla, e mi auguro che si possa continuare a correre. Questo è solo il mio parere, che arriva dal mio amore per questo sport”.