Giovedi 8 Dicembre

Euro2016 – Pellé, insulti social dopo un selfie: l’attaccante dell’Italia senza tregua!

LaPresse - Fabio Ferrari

Euro2016 è stato il crocevia di Pellè: da idolo popolare, a unica causa della sconfitta contro la Germania. I tifosi insorgono contro l’attaccante

Pellé e Parolo

Strana la vita dell’attaccante: idolo se segni, insignificante quando sbagli un gol facile o peggio un rigore importante. È la storia di Graziano Pellè, attaccante del Southampton che nella più grande vetrina europea, ha prima deliziato e poi distrutto un sogno: quello di battere la Germania e di accedere in semifinale degli Europei. Pellé si è presentato davanti a Neuer dagli undici metri: arie da sbruffone e segno del cucchiaio. Quel rigore così importante, cosi fondamentale è stato fallito clamorosamente. L’attaccante in Italia non ha fatto molto, anzi ha deluso: 1 solo gol in serie A con la maglia del Parma, 20 gol in B (comprendendo anche i gol realizzati nei playoff quando vestiva la maglia della Sampdoria). La sua terra preferita è l’Olanda, soprattutto al Feyenoord quando in due stagioni ha realizzato 50 reti. Ora in Inghilterra col Southampton 23 reti per ora.

Da sabato Graziano Pellè è il bersaglio di tutti: persino quando ha voluto ringraziare Marco Parolo, compagno di stanza durante l’Europeo, con una foto postata sul proprio profilo Instagram è stato insultato. Le frasi scritte dai tifosi italiani, fanno capire come il tiro di Pellè non è stato per nulla dimenticato, anzi il rancore nei suoi confronti è ancora alto. In quasi tutti gli insulti c’è sempre il riferimento a quel rigore calciato malamente, e soprattutto a quella ‘buffonata’ che ha contribuito ad eliminare l’Italia da Euro2016. . Pellè viene indicato come colui che ha rovinato il sogno dell’Italia e degli italiani. La vita di Pellè è sicuramente cambiata dopo l’Europeo. Si spera che la “lezione” sia servita e che non commetta più “spavalderie” del genere.