Martedi 6 Dicembre

Euro2016 – “Oggi è peggio di ieri”, ciao Italia: il commosso saluto di Conte

LaPresse/ Fabio Ferrari

Il giorno dopo la sconfitta con la Germania, Antonio Conte saluta definitivamente l’Italia: ecco le parole del ct azzurro

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Italia, Conte saluta – Risveglio amaro, perché la sconfitta con la Germania brucia terribilmente. Eliminazione da Euro2016 che per Antonio Conte coincide con la fine dell’avvenuta da Ct dell’Italia: “Oggi è peggio di ieri”. Le prima parole del selezionatore azzurro in conferenza stampa. Conte ha poi voluto salutare così quella che da oggi non sarà più la sua Nazionale, ecco le sue parole riportate da TuttoMercatoWeb: “avevo detto che sono emotivamente coinvolto, oggi più di ieri. Ho realizzato che è finita questa avventura. Dispiace tanto per i ragazzi, per me è stato un grande onore allenarli. Mi hanno dato tutto quello che avevano. Tengo a ringraziare lo staff, i cuochi, i magazzinieri e tutti coloro che hanno lavorato con noi. Per me è stato un onore lavorare con loro. Credo che un particolare ringraziamento vada a una persona silenziosa ma preziosa, come Lele Oriali. Ho avuto il piacere di conoscere una persona incredibile, ringrazio Tavecchio per questa esperienza straordinaria. Mi auguro che sia un arrivederci.

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Italia, Conte saluta – Ringrazio i media, abbiamo lavorato insieme per due anni. Abbiamo imparato a conoscerci, non sono una persona semplice nei rapporti ma siamo arrivati a un punto di stima reciproca. Le persone devono conoscersi, non siamo tutti uguali ma l’importante è che ci sia rispetto e stima. Dico grazie per la collaborazione in questi due anni, auguro il meglio a Ventura e alla Nazionale. Lasciamo una traccia importante, è la traccia del lavoro. Sono certo che abbiamo intrapreso una strada bella, sicuri che possa portare i colori azzurri in alto. Ci siamo fatti rispettare da tutti, abbiamo tenuto testa ai campioni d’Europa e del mondo. Grazie di cuore a tutti”.