Sabato 3 Dicembre

Euro2016 – Deschamps, carica Francia: “Europeo e Griezmann Pallone d’Oro”

LaPresse/REUTERS

Il Commissario tecnico della Francia Deschamps presenta la finale di domani contro il Portogallo e suona la carica ai Blues

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Francia, parla Deschamps – “Abbiamo l’opportunità di diventare campioni d’Europa. Non dobbiamo pensare al futuro, ma concentrarci solo su questa partita. I giocatori sanno quale privilegio sia giocare la finale degli Europei qui a Parigi”. Didier Deschamps prova a toccare le corde dei suoi giocatori alla vigilia dell’ultimo atto degli Europei: appuntamento domani allo Stade de France contro il Portogallo. “Hanno molte qualità e non sono in finale per caso – avverte il ct dei Bleus – Sono stati criticati all’inizio del torneo come noi e come noi sono adesso in finale. E’ una squadra di esperienza che può modificare il suo modulo di gioco a seconda degli avversari, con un triangolo difensivo molto solido e buoni giocatori sugli esterni che crossano parecchio”.Ovviamente fanno molto affidamento sui loro attaccanti, Cristiano Ronaldo e Nani: il Portogallo non cerca di riconquistare la palla nella metà campo avversaria ma prova a ripartire sfruttando la velocità dei due davanti. Non sto dicendo che pensano solo a difendersi ma che sanno gestire bene la palla e provano a ripartire in fretta.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Francia, parla Deschamps – Non abbiamo potuto lavorare sulla tattica dopo la semifinale, la priorità è stata recuperare. Mi sarebbe piaciuto avere 24 ore in più per preparare la finale ma conta essere pronti con la testa e col fisico per domani”. La Francia ha comunque le sue armi. Se la difesa ha fatto grandi progressi (“Koscielny ha fatto molto bene con l’Arsenal e anche con noi si è confermato, Umtiti non mi ha sorpreso, ha grandi qualità e la mentalità necessaria per giocare a questi livelli”), il vero punto di forza è l’attacco, con la consacrazione di Antoine Griezmann. Quella di domani sarà anche la sfida fra l’attaccante dell’Atletico Madrid e Ronaldo, due seri contendenti anche per il Pallone d’Oro. “Antoine dipende e ha bisogno della squadra, non è un solista. E’ ancora giovane e ha giocato una grandissima stagione, ma Ronaldo sta rendendo a questi livelli da una decina d’anni. Se Antoine dovesse essere un candidato al Pallone d’Oro, significherebbe probabilmente che avremmo vinto la finale. Negli ultimi anni il Pallone d’Oro è stata una corsa a due tra Ronaldo e Messi“.  (ITALPRESS).