Domenica 4 Dicembre

Euro 2016 – Italia, Bonucci rivela: “il rigore di Pellè? Vi spiego la sua spavalderia”

LaPresse - Fabio Ferrari

Al termine di Germania-Italia, Bonucci ha parlato alla stampa dello spirito di gruppo degli azzurri e del rigore di Pellè

Foto LaPresse - Fabio Ferrari

Foto LaPresse – Fabio Ferrari

Germania-Italia, la forza del gruppo, il grazie di Bonucci – Un’Italia quasi perfetta, capace di tenere testa ai Campioni del Mondo della Germania nei 120 minuti, si è arresa solo ai calci di rigore. Proprio su rigore Bonucci aveva pareggiato il match nel secondo tempo e lo stesso difensore azzurro, dopo i supplementari, ha fallito uno dei rigori decisivi. Bonucci come sempre, a fine partita ha avuto il coraggio di presentarsi davanti alle telecamere. Ai microfoni di ‘Raisport’ il difensore della Juventus ha voluto ringraziare il gruppo: “siamo usciti a testa alta, nei 120′ abbiamo tenuto testa ai Campioni del Mondo. Uscire fa sempre male. Questi uomini, ad iniziare dal Ct e dal presidente, e tutti quelli che hanno iniziato l’avventura il 18 maggio, sono stati dei grandi uomini: hanno messo il cuore in campo, hanno dato tutto. Ringraziamo gli italiani, ci hanno dato tanto entusiasmo: speriamo di averli resi orgogliosi“.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Germania-Italia, il rigore di Pellè, Bonucci lo difende – Bonucci ha poi affrontato l’argomento più delicato, quello che fa più male, i penalty, in particolare il rigore di Pellè. L’azzurro ha preso le difese di Pellè, andato spavaldamente dal dischetto per provocare Neuer per poi fallire clamorosamente il rigore: “abbiamo battuto Belgio, Svezia e Spagna, e  stasera giocato alla pari con la Germania. Peccato per i rigori: ne hanno sbagliato uno in meno di noi, ma i rigori sono sempre una lotteria. Conte ci ha ringraziato: questo è il complimento più bello. Pellè spavaldo nel rigore? Se la sentiva, ha chiesto lui di tirarlo. Avessi segnato io, avremmo vinto la partita ad esempio. Parliamo solo delle cose positive”.