Sabato 3 Dicembre

Conte, che show: “io, il sarto giusto per il Chelsea. Pressione? Ci sono nato”

LaPresse/PA

Presentazione in grande stile per Antonio Conte al Chelsea: il nuovo manager infiamma i tifosi dei Blues

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Chelsea, primo show di Conte – “Se sento la pressione? Non è importante, perché io sono nato sotto pressione… È normale, quando sei allenatore di un grande club come il Chelsea devi lottare per vincere il titolo. So che questo campionato è molto duro, c’è molta concorrenza: questo mi entusiasma, sappiamo che quest’anno non sarà molto facile per noi, visto che si riparte da un decimo posto e da una stagione negativa. Ma ora dobbiamo pensare al presente per costruire qualcosa di importante per il futuro: un solo club può vincere, ma noi dobbiamo essere lì a lottare fino alla fine. Anche per la Champions: il Chelsea appartiene alla Champions e ci deve arrivare. Firmato, Antonio Conte.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Chelsea, primo show di Conte – Il nuovo allenatore del Chelsea è stato protagonista di un vero e proprio show in conferenza stampa nel giorno della sua presentazione: “ogni allenatore ha la sua idea di calcio, voglio trasmettere i miei metodi ai calciatori. Voglio giocatori pronti a lottare, a giocare a calcio, a trasmettere passione ai nostri tifosi. La difesa a 3? Valuterò e cercherò di trovare le giuste posizioni ai giocatori. L’allenatore è come un sarto, che deve cucire il miglior vestito per la squadra.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Chelsea, primo show di Conte – Se ancora a qualcuno non fosse chiaro, Conte mette ancora in risalto il suo mantra: “sono un lavoratore, conosco solo la via del lavoro per vincere. Ho una grande passione per il calcio, per la mia squadra, per il mio lavoro, voglio trasmettere questa passione ai miei giocatori e ai tifosi. La Premier è un torneo molto duro dal punto di vista fisico e dell’intensità, credo che se vogliamo vincere dobbiamo un giocare un buon calcio, ma dobbiamo anche avere un’ottima preparazione fisica ed essere organizzati. Ho deciso di lasciare la nazionale dopo le qualificazioni all’Europeo”.