Mercoledi 7 Dicembre

Volley, Vettori in vista dell’ultimo week end di World League: “tre gare decisive”

Ultimo week end di sfide per l’Italia della pallavolo maschile in World League: le sensazioni di Luca Vettori

L’Italia si accinge dunque a giocare un ultimo e decisivo week end di gare con l’obiettivo di conquistare la 22esima partecipazione alle Finali di World League, un obiettivo alla portata degli Azzurri, ma che non sarà semplice dato l’elevato tasso tecnico della manifestazione e una classifica che vede molte squadre ancora in grado di conquistare il pass per la F6.

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Delle difficoltà che l’Italia si appresta ad affrontare è conscio Luca Vettori che analizza il percorso avuto fino ad ora dalla sua squadra: “siamo partiti nel primo week end con una serie di incognite come la ricerca del ritmo partita, la preparazione non ottimale e la ricerca del nostro miglior gioco, quindi in questa ottica ci sta aver perso contro una squadra come la Francia, reduce, tra l’altro, dal torneo preolimpico. La settimana scorsa a Roma, invece, a mio avviso avremmo potuto fare qualcosa di più. Credo che abbiamo pagato qualcosa in termini di emozione contro gli Stati Uniti. Eravamo consci dell’importanza di quella gara, ma non siamo stati in grado di gestirla come avremmo voluto e potuto. Loro hanno fatto molto bene, noi meno. Questo aspetto ci deve far riflettere e far capire su cosa insistere per continuare il nostro processo di crescita e maturazione.”

LaPresse/Filippo Rubin

LaPresse/Filippo Rubin

“Quello che possiamo imparare da queste 6 partite giocate – continua Vettori – è che in battuta possiamo fare davvero male, ma anche che non dobbiamo essere dipendenti da questo fondamentale; se la palla entra bene, ma se le cose non vanno come vorremmo dobbiamo puntare sulla fase muro-difesa”.  

L’opposto azzurro volge poi uno sguardo alle tre gare in programma da venerdì a domenica: “ci attendono ora tre gare decisive, tutte molto importanti nelle quali non possiamo commettere passi falsi. Dobbiamo fare bene e collezionare il maggior numero di vittorie perché la situazione è ancora molto incerta. Sarà una tre giorni intensa contro avversarie forti e di alto livello. Sulla carta la Serbia è sicuramente la squadra più difficile, ma non dobbiamo dimenticare che Argentina e Iran sono squadre che storicamente ci hanno sempre messo in difficoltà quindi sarà importante affrontarle con la massima attenzione.”

Vettori conclude ricordando l’ambiente non semplice dell’Azadi Sports Complex: “due anni fa fu parecchio difficile giocare qui, perdemmo entrambe le gare all’interno di una vera e propria bolgia grazie a un pubblico decisamente appassionato. Fortunatamente la formula quest’anno è un po’ diversa e giocheremo due partite su tre contro avversari nelle nostre stesse condizioni.”