Venerdi 9 Dicembre

Tennis, Troicki svela: “quando Djokovic perde in Serbia è giorno di lutto”

LaPresse/Alfredo Falcone

Victor Troicki ha spiegato alla stampa cosa rappresenta Novak Djokovic per il popolo serbo e le aspettative che si hanno su di lui

Sipa USA

Sipa USA

Il tennista serbo Vicotr Troicki, grande amico di Novak Djokovic ha raccontato alla stampa cosa rappresenta Nole nel suo paese d’origine e quante aspettative abbia la gente nei suoi confronti. Come riportato da “TennisWorldItalia”, Troicki ha spiegato cosa vuol dire per la Serbia una sconfitta di Djokovic: “quando Novak perde in semifinale o in finale, è un giorno di lutto per la Serbia. La gente vede solo il primo posto e nient’altro. La gente pensa che far semi o finale è un fallimento, incredibile.” Il tennista numero 24 al mondo ha poi espresso tutta la sua ammirazione per Novak: “con lui sono cresciuto. Lo conosco da tempo, e il suo successo è da pelle d’oca. È come Michael Jordan, Carl Lewis, questi nomi incredibili“.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Troicki fermato per doping qualche tempo fa, ha infine voluto esprimere il suo pare sulle accuse di doping a Rafael Nadal: “noi facciamo controlli quasi ogni settimana, almeno una volta per torneo. I farmaci che prima si potevano prendere ora sono vietati, bisogna stare davvero attenti. Quello che dicono su Nadal è molto brutto. Ha fatto molti controlli e non è mai stato risultato positivo. Penso sia un grande atleta, una grande persona, lotta sempre e ha fatto sempre del suo meglio. Accusarlo solo perchè è più forte fisicamente rispetto agli altri, è davvero brutto e non mi piace parlare di questo“.